La Nullità della Famiglia del Conte – Capitolo 40 – Non lo so, io non lo so (1)

Cale sorrise gentilmente al principe, e iniziò a pensare.

‘Non lo so. Io non lo so.’

Il drago nero continuò a chiedere perché un drago volesse mai usare la propria magia per un inutile umano e come lui non avrebbe mai fatto una cosa simile, ma Cale fece del suo meglio per non ascoltarlo.

  • Mmm? Anche i suoi occhi sono di un colore diverso. Questo pappamolla sta pianificando qualcosa di sicuro. Debole umano, stai attento.

‘Se tu smettessi di parlare, sarei a posto.’

  • Mmm? Questa persona non è debole. Debole umano, stai molto attento. Morirai.

‘Merda.’

Per la prima volta Cale era terrorizzato da questo drago nero, che gli stava spiegando cose inutili. Nello stesso momento, la mente di Cale iniziò a ragionare velocemente.

La madre del principe non era la regina. Era una concubina e all’inizio era una domestica, una delle cittadine che lavoravano per la famiglia reale. La madre del terzo principe era la regina corrente. Si diceva che la madre del Principe ereditario fosse morta in circostanze sospette quando il principe era giovane.

Cale iniziò ovviamente a pensare alla vera identità della madre del Principe ereditario.

Il principe era conosciuto per essere nella norma, ma il drago stava dicendo che non era debole. Nel romanzo, anche Choi Han aveva stimato che fosse normale, quindi cosa stava nascondendo? E come lo aveva scoperto il drago?

‘…No. Che lo nasconda o meno, non è un mio problema.’

Cale non ascoltò i mormorii del drago nero. Qualcosa doveva essere stato davvero molto interessante, visto che il drago nero continuò a parlare del Principe ereditario.

“…Il signor Cale sembra essere un po’ come me.”

Il Principe ereditario stava dicendo qualcosa, ma Cale era troppo impegnato a pensare ad altro così rispose casualmente.

“Sua altezza, una simile affermazione è il più grande onore della mia vita.”

Il Principe ereditario lasciò la mano di Cale, come se fosse nervoso. Cale non si accorse di ciò e indietreggiò senza dire niente, muovendosi dietro Eric. Era facile usare Eric come scudo quando le cose si complicavano.

Il Principe ereditario osservò Cale con curiosità, prima di guardare verso Eric.

Eric iniziò a parlare con il Principe ereditario nuovamente.

Cale lo osservò e iniziò a pensare.

‘C’è una ragione.’

C’era una ragione se il Principe ereditario era diffidente del secondo e terzo principe. C’era anche una ragione per cui le grazie del re fossero andate improvvisamente al terzo principe. Fu in grado di intuire tutto ciò.

‘È davvero suo figlio? O c’è un altro segreto legato alla sua nascita?’

Cale pensò a una fiction che Kim Rok Soo aveva visto lavorando a un ristorante dopo la maturità.

Il Principe ereditario, Alberu Crossman, era naturalmente il protagonista.

Cale si ridisse nuovamente.

‘Stai fermo.’

Se ne sarebbe stato fermo da adesso in poi. Prese la decisione di non scoprire nient’altro.

Cale aveva mantenuto quella promessa meticolosamente. Non aveva bevuto niente quel giorno e questo aveva fatto sì che i nobili delle altre regioni, che non lo avevano mai incontrato prima, lo avessero avvicinato per parlargli. Cale guardava verso Eric ogni volta, ed Eric tornava all’opera.

Dopo un paio di volte, Cale aveva mormorato sottovoce.

“Oh, questo non è male.”

Gilbert e Amiru trasalirono dopo aver sentito quelle parole dette sottovoce, e iniziarono a comunicare tra di loro con lo sguardo.

‘Non è strano?’
‘Vero?’

I due si allontanarono di poco da Eric e Cale. Tuttavia, Cale guardò verso la signorina Amiru e Amiru smise di muoversi dopo averne incrociato lo sguardo.

“A proposito, signorina Amiru.”
“Sì?”
“Ho sentito dire che la battigia del suo territorio è estremamente bella. È vero?”
“Ovviamente. Le scogliere della costa sono molto belle.”

‘Belle un cavolo.’

Cale pensò alla scogliera e a quanto sarebbe stato difficile ottenere il ‘Suono del Vento’. Nel romanzo il ‘Suono del Vento’ era un potere antico che un membro della fazione non-magica del Regno di Whipper aveva trovato.

Benché potesse sembrare strano che una persona del Regno di Whipper fosse entrata in possesso di un potere antico nel Regno di Roan, vi era anche qui dietro una lunga storia.

Comunque, il potere originale era finito nelle mani di un uccisore di maghi, un folle estremamente brutale che è apparso verso la seconda metà della guerra civile. Era già abbastanza potente di suo, quindi non l’aveva mai davvero utilizzato.

‘La Torre della Magia crollerà presto.’

Dopo la guerra civile, una nuova Torre della Magia sarebbe stata costruita sul luogo della precedente torre crollata, e Rosalyn ne sarebbe stata a capo.

‘Choi Han, l’uccisore di maghi e il Principe ereditario dell’impero.’

Queste erano le tre persone che fanno la loro apparizione come gli eroi per tutti gli incidenti al centro del continente occidentale. Il romanzo discuteva anche come anche la regina della Giungla meridionale del continente occidentale finisse per rimanere coinvolta a causa dell’unificazione del meridione.

Mettendo da parte l’organizzazione segreta che Choi Han incontra costantemente, questo continente romperà la pace durata duecento anni per iniziare a combattere per maggior potere.

Cale guardò verso Eric, che si stava occupando di tutto per lui, e guardò verso l’orologio. Il banchetto sarebbe terminato presto. Ovviamente, i nobili stavano attendendo la discussione che sarebbe avvenuta in seguito al pasto.

‘Non che mi interessi.’

Non era un problema di Cale.

“Signorino Gilbert, dovrei essere in grado di andarmene una volta terminato la cena, giusto?’

Gilbert guardò verso Cale, seduto comodamente a mangiare la frutta come se fosse a un picnic, e annuì.

“Sì. Abbiamo in programma di andare a parlare con il Principe ereditario dopo la cena, ma non penso tu abbia intenzione di venire con noi, giusto?”
“Giusto. Che bene potrei mai fare là? Voi tre siete più informati a riguardo dell’investimento.”

L’espressione di Gilbert cambiò alle parole di Cale. Sembrava essere un po’ sorpreso.

“…Hai letto il documento.”
“Un po’.”

Cale rispose con nonchalance, prima di guardare verso il Principe ereditario, in piedi vicino al proprio posto. Stava per annunciare il termine del banchetto. Cale non aveva trovato la vera ragione che stava dietro a quell’assemblea, ma non era deluso. Non sapere voleva dire che non vi era nessuna possibilità per lui di rimanerne invischiato.

Ma Cale iniziò a imbronciarsi dopo aver sentito le parole del Principe ereditario.

“È stato un immenso piacere condividere questa cena con tutti voi questa sera. Ho preparato una semplice festa dedicata al vino per quelli che potrebbero esserne interessati, quindi godetevela. Ah, ho anche preparato un posto per tutti voi al compleanno che si sta avvicinando.”

Il Principe ereditario Alberu disse tutto ciò con un’espressione alquanto rilassata.

“Spero che sarete tutti presenti a condividere la gioia di quel giorno.”

‘Sigh.’

Cale trattenne un sospiro. Benché Alberu stesse dicendo che sperava che fossero tutti presenti, li stava in realtà forzando ad andare.

‘…Immagino che sarò nella piazza quando le bombe esploderanno.’

Anche se c’era da aspettarselo, a Cale non andava giù.

“Bene, possiamo concludere questa cena.”

Cale si alzò in piedi. La maggior parte voleva andare alla festa a base di vino insieme al Principe ereditario e il secondo e il terzo principe, ma quelli che il Principe ereditario non aveva approvato non potevano anche se avessero voluto.

Cale sbirciò verso la sedia a rotelle che gli passò davanti. Taylor gli passò di fianco e Cage, che ne stava spingendo la sedia a rotelle, lo seguì e sussurrò sottovoce in modo tale che solo Cale potesse sentire.

“Ci vediamo dopo, fratellino.”

‘Avevo detto che non volevo essere il loro fratello minore.’

Lo sguardo di Cale mostrava chiaramente i suoi sentimenti, ma Cage finse di non capire e si diresse verso il Principe ereditario facendo finta di essere una buona e pura sacerdotessa.

“Signorino Cale, mi permetta di accompagnarla.”
“Signorina Amiru.”

Amiru si avvicinò a Cale e gli propose di camminare insieme. Cale osservò i capelli verdi di Amiru e l’espressione calma e raffinata, e domandò con nonchalance.

“È preoccupata che possa causare un qualche problema?”
“Sfortunatamente, anche il signorino Neo si sta ritirando presto.”
“Ah.”

Stava dicendo che lo stava accompagnando nel caso in cui Neo avesse voluto iniziare qualcosa di nuovo. Cale si diresse verso la porta della sala del banchetto senza nessun’altra domanda, con Amiru al suo fianco. I due arrivarono alla carrozza di Cale senza dirsi molto e trovarono Ron ad attenderlo.

“Signorino Cale, ottimo lavoro quest’oggi.”

Cale annuì alle parole di Amiru.

“È stata dura ma deve tornare indietro e lavorare un altro po’, signorina Amiru.”

Amiru sorrise e iniziò a parlare.

“È perché dobbiamo ottenere delle buone notizie.”

Tuttavia, Cale poteva percepire la disperazione nella sua voce. La costa nord-orientale era davvero un pezzo di terreno inutile. Era piena di scogliere, con nient’altro di interessante.

Per di più, anche i mulinelli vicino alle scogliere erano un problema. Le persone esperte che vivevano nel territorio sapevano come evitarli, ma era un posto pericoloso per gli altri.

‘Il Suono del Vento è la causa dei mulinelli.’

Amiru e Gilbert volevano investire in quel mare inutile a ogni costo. Cale osservò Amiru, che stava parlando con una strana espressione sul volto.

“Ritengo di essere in grado di ottenere quei risultati insieme.”
“Signorina Amiru.”
“Sì, signorino Cale.”

Cale pensò che non sarebbe stato male dare una mano a Eric, Gilbert e Amiru, che aveva fatto lavorare sodo oggi come gli uomini-bestia sotto al suo comando. Avevano ancora bisogno di un equilibrio di potere alla riunione dei nobili nord-orientali, e Amiru sembrava qualcuno che sapeva tenere bene i segreti.

“Sono certo che Sua Altezza sarà molto interessato a questo investimento.”
“Lo penso anche io.”

Amiru era d’accordo con l’affermazione di Cale. Era perché il Principe ereditario se ne era ricordato, anche senza che Eric fosse il primo a nominarlo.

“Avete discusso un investimento per il turismo, giusto?”
“Sì.”

Investire nel turismo usando le scogliere della costa. Per Cale era completamente senza senso. Si avvicinò ad Amiru e le sussurrò all’orecchio.

“Se è alla così disperata ricerca di un investimento, penso che sia il caso di pensare al valore della localizzazione delle sue coste in base al Regno di Whipper e degli altri regni nordici.”
“Mi scusi?”

Cale si strinse nelle spalle di fronte a quella confusa Amiru e aggiunse.

“Ovviamente, sarebbe meglio tenersi per sé quello che ho appena detto.”
“…Mi ricorderò delle sue parole per ora.”

Cale fu soddisfatto da Amiru, che sembrava confusa ma in grado di tenere la bocca chiusa. Salì sulla carrozza e salutò Amiru. Amiru mosse leggermente la testa a ciò.

Cale iniziò a parlare a Ron, che stava chiudendo la porta della carrozza.

“Andiamo.”
“Sì, signorino.”

La carrozza iniziò presto a muoversi. Cale osservò Amiru, che stava considerando seriamente quello che Cale le aveva detto senza tornare indietro, e iniziò a pensare alla costa nord-orientale.

La costa nord-occidentale era piena di spiagge sabbiose. A confronto, la costa del territorio di Amiru e Gilbert era complessa, con molte piccole isole. Per di più, erano circondate da ripide scogliere.

Infine, vi erano solo pochi posti dove le navi potevano essere ancorate in sicurezza. Ovviamente, lì i pescatori erano veterani che erano in grado di evitare i mulinelli per pescare in modo sicuro senza nessun problema.

‘Hanno pensato solo alle gite e ai giri turistici perché la pace è durata così a lungo.’

Tuttavia, il Principe ereditario sapeva che la fine della pace stava velocemente avvicinando.

‘In ogni caso, tutto quello che devo fare è andare a prendere quel potere antico prima dell’uccisore di maghi.’

Cale aveva deciso di non pensarci più. Quella notte due resoconti vennero consegnati a Cale, mentre questi stava tornando dal banchetto.

“Abbiamo trovato quattro bombe magiche.”

Nel romanzo, ve ne erano cinque localizzate in posti diversi e altre cinque su persone.

“Tutte vicino alla piazza.”
“Mostrami la mappa.”

Cale allungò la mano verso Choi Han. Choi Han aveva lasciato il drago nero nel luogo delle bombe magiche ed erano tornato da solo. Sembrava che si fosse affrettato a tornare, visto il sudore sul viso.

“Ne avevamo trovata una, e poi ho iniziato a correre con il drago tra le braccia per cercare meticolosamente ovunque. Durante tutto ciò ne abbiamo trovate solo altre tre. Sono certo che dobbiamo cercare anche in luoghi diversi alla piazza, ma non ce ne erano nei posti in cui abbiamo cercato fino ad ora.”

“Non c’è bisogno di precipitarsi, visto che non ci saranno problemi fino al momento della celebrazione, tra due giorni.”
“Ma è meglio sbarazzarsi delle cose pericolose prima!”
“Rubiamole di prima mattina durante il giorno della celebrazione.”
“…Mi scusi?”

Le bombe magiche che Cale conosceva richiedevano che lo sviluppatore mandasse un segnale per farle esplodere. Tuttavia, per qualcuno al livello del drago nero o anche di Rosalyn, era abbastanza semplice tagliare la connessione tra lo sviluppatore e le bombe anche se ciò necessitava di un po’ di tempo. Ecco come Rosalyn era stata in grado di distruggere le bombe sulle persone nel romanzo.

‘Deve essere fatto durante il giorno della celebrazione.”

Quello era l’unico modo per far sì che quel mago assetato di sangue pensasse che tutto stesse andando secondo i piani.

“Rubarli? Non li distruggeremo?”

Cale consegnò la mappa a Choi Han, confuso, e iniziò a pensare.

“Perché dovremmo distruggere qualcosa di così utile?”

Anche se le bombe non potevano essere utilizzate, il mana densamente condensato al suo interno era un ingrediente alquanto utile.

“Le userò per me.”

Choi Han pensò che il sorriso di Cale fosse davvero subdolo. Cale continuò a parlare a Choi Han, il quale prese la mappa con un’espressione confusa.

“Continuate a cercare visto che ce ne potrebbero essere di più. Controllate anche diverse volte per vedere se la localizzazione delle bombe è cambiata o meno.”

Choi Han e il drago nero dovevano ora rimanere nascosti intorno alla piazza e continuare a investigare. Sarebbe stato difficile, noioso ed estremamente faticoso ma non era qualcosa che Cale avrebbe fatto di persona.

Cale guardò verso On e Hong, che si erano appena svegliati dal loro sonnellino, e iniziò a parlare.

“È ora di pagare.”

Cale parlò anche a Choi Han.

“Vai a lavorare.”

I due gattini, che si stavano stropicciando gli occhi stanchi, e Choi Han che tornò al lavoro come istruito da Cale. Cale li osservò rilassato mentre saltavano dalla finestra della terrazza, prima di bere il vino che non aveva avuto modo di bere al banchetto e di addormentarsi.

Una breve informazione fu consegnata a Cale mentre dormiva. Cale sentì la notizia una volta svegliato.

Billos sarebbe arrivato alla capitale quel giorno, il giorno prima della celebrazione di compleanno. Cale si diresse immediatamente alla locanda dove l’avrebbe incontrato.

Era il luogo in cui i dieci bambini lupo stavano soggiornando. Ovviamente, On, Hong e Lock erano insieme a Cale mentre questi si stava dirigendo laggiù. Pensò a quello che Lock aveva appena detto e chiese.

“Vuoi che mi prenda cura dei tuoi fratelli?”
“Sì, questa è la condizione per il nostro accordo.”
“E cosa puoi fare per me?”
“Non sono solo io che farò qualcosa.”

Lock rispose senza esitazione.

“Se non solo tu, chi altri?”

Lock rispose velocemente.

“I miei fratelli lo faranno insieme a me. Siamo forti in gruppo.”

Cale sentì la nuca gelare.

‘Impossibile.’

Lock colpì Cale senza pietà con un altro colpo mentale.

“La Tribù del Lupo Blu ha la rinomata storia di essere forti cavalieri. Quella storia-”
“Non è qualcosa di cui io debba essere a conoscenza.”

Cale si voltò, non guardando Lock, che stava seduto dall’altra parte della carrozza.

 

<< Previous Chapter | Index | Next Chapter >>

Bookmark(0)

No account yet? Register

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *