La Nullità della Famiglia del Conte – Capitolo 29 – Tu… (4)

La carrozza di Cale si diresse senza fretta a sud della capitale. Huiss, la capitale del Regno di Roan. Le persone si stavano chiaramente preparando per l’imminente celebrazione di compleanno.

Cale osservò fuori sollevando leggermente la tendina e iniziò a pensare.

‘Choi Han dovrebbe arrivare in circa 3 giorni.’

A meno che non si spostasse come un pazzo lunatico, Choi Han sarebbe dovuto arrivare tre giorni dopo. Avrebbe portato Rosalyn e Lock con sé, e si sarebbero imbattuti nell’organizzazione segreta mentre incontravano Lock, cosa che li avrebbe rallentati maggiormente.

Nel romanzo, Choi Han incontrò Lock, l’unico sopravvissuto della Tribù del Lupo Blu e qualcuno con il lignaggio dei Re dei Lupi, prima di imbattersi di nuovo nell’organizzazione segreta. Dopodiché, Choi Han finisce coinvolto con l’organizzazione segreta ancora una volta durante l’incidente terroristico alla capitale.

Il villaggio di Harris, la prima casa di Choi Han fuori dalla Foresta dell’Oscurità. Questa organizzazione segreta era quella che aveva assassinato tutti nel villaggio. Si era imbattuto nell’organizzazione due volte, ma non aveva molte informazioni su di loro.

‘Gli assassini non hanno le stelle sui vestiti.’

Visto che l’assassinio era l’obbiettivo sia per il villaggio di Harris che della Tribù del Lupo Blu, l’organizzazione segreta aveva mandato la loro unità di assassini. L’unità di assassini indossava solo vestiti neri senza stelle, nel caso in cui qualcosa fosse andato male. Erano persone che preferivano togliersi la vita piuttosto che essere catturati.

Ma le cose sarebbero cambiate a partire dalla capitale.

‘Quel criminale amante del sangue si farà vedere.’

Mentre cercavano di impedire l’incidente terroristico con Rosalyn, Choi Han entra in contatto con uno dei capi dell’organizzazione segreta. Quel capo e i suoi sottoposti avevano tutti la stella bianca e le cinque stelle rosse sul petto.

Cale aveva anche già trovato una scusa da dare a Choi Han per le loro uniformi quando avevano salvato il drago. Guardò con sguardo assente fuori, prima di chiudere la tenda di nuovo.

I cittadini felici che abbellivano le strade, e le strade che stavano diventando sempre più belle. Tutto questo avrebbe finito col divenire un luogo di disperazione in una settimana.

“Signorino Taylor.”

Erano ora alla parte meridionale di Huiss, il luogo delle residenze nobiliari. La carrozza di Cale si fermò di fronte all’edificio e Cale si alzò e si fece pronto ad uscire.

“Ron si occuperà di voi una volta arrivati alla residenza. Dovete solo dirigervi da quella parte.”

Stava guardando la portiera mentre proseguiva.

“Dimenticate tutto.”

Poteva sentire le voci di Taylor e Cage dietro di sé.

“La ringrazio davvero molto.”
“Spero di rivederla in un contesto più gioioso la prossima volta.”

Cale iniziò a sorridere. Cage e Taylor continuarono a guardarlo, ma né Cale né i due gattini prestarono attenzione ai due.

Click.

La portiera della carrozza si aprì.

“Signorino, siamo arrivati.”

Cale, Hans e i due gattini vedevano tutti Taylor e Cage, ma non guardarono verso di loro. Si comportarono tutti come se i due non ci fossero, e scesero dalla carrozza.

Cale si voltò immediatamente verso il posto del conducente una volta sceso dalla carrozza. Ron aveva un sorriso benigno sul volto e annuì. Ron, che aveva sentito la situazione dal vice-maggiordomo Hans, si sarebbe occupato del resto. Ron si diresse con il conducente a parcheggiare la carrozza.

Cale non prestò più nessuna attenzione alla carrozza e si voltò.

“Oh.”

Si lasciò poi scappare un verso di ammirazione. Anche i gattini, On e Hong, sembravano sorpresi, le loro pupille dorate estremamente dilatate.

“…È anche meglio di quanto mi aspettassi.”

Il conte era davvero benestante. Oltre il largo cancello di ferro vi era una residenza a cinque piani. C’era anche un giardino tra il cancello e l’edificio stesso. Non che fosse lussuoso o sfarzoso, ma sembrava decisamente più costosa di tutte le residenze nobiliari vicine.

Aveva l’aura e l’aspetto di un edificio che aveva definitivamente richiesto un enorme somma di denaro per essere costruita. Al centro vi era, ovviamente, una scultura con la tartaruga dorata della famiglia Henituse incisa.

Screeeech. Bang!

Il largo cancello con lo stemma della tartaruga dorata si aprì lentamente. La guardia che aprì il cancello, così come il maggiordomo della residenza e i domestici, si allinearono per accogliere Cale.

“Signorino Cale Henituse! Benvenuto alla capitale!”

Era un’accoglienza estremamente rispettosa. Stavano chinando la testa così in basso che sembrava che stesse per toccare il terreno. Il vecchio che sembrava essere il responsabile stava parlando con voce così alta che sembrava che si sarebbe fatto male alle corde vocali.

“Faremo del nostro meglio per servirla!”

‘Perché fa così?’

Cale guardò verso Hans, che stava facendo finta di non sapere cosa stesse succedendo.

‘Sa di sicuro cosa sta succedendo.’

Hans sapeva sicuramente il motivo per cui si stessero comportando in quel modo. Cale trovò fastidioso chiederlo, e approcciò il vecchio responsabile e lo aiutò a sollevarsi. Poi guardò verso il resto dei domestici e iniziò a parlare.

“Voi tutti, alzate la testa.”

I domestici alzarono velocemente la testa. Non avevano mai visto Cale Henituse mentre lavoravano alla resistenza. Tuttavia, avevano sentito le storie su Cale dalle persone che avevano visitato il territorio degli Henituse.

La nullità, Cale. I domestici avevano sentito che Cale considerava le persone che lavoravano alla tenuta come o nobili o persone inutili. A volte non li considerava nemmeno come persone. Erano ansiosi su cosa avrebbe detto Cale adesso e aspettarono che continuasse.

“Non c’è bisogno di essere così rispettosi in futuro. Non mi piace causare problemi alle persone che fanno bene il loro lavoro.”

Tutti gli sguardi dei domestici si diressero verso Cale. Cale si rese conto che fatto che fossero ancora tutti rigidi e iniziò a imbronciarsi.

“Ho sentito che madre ha scelto tutti voi. Ha detto che tutti voi siete molto orgogliosi del vostro lavoro, quindi sono certo che lo eseguirete bene.”

Gli sguardi di tutti i domestici divennero strani.

“Chiedete ad Hans se avete domande.”

Aveva già abbastanza da fare, quindi era meglio lasciare tutto ad Hans. Per di più, non vi era motivo di prestarci tanta attenzione quando se ne sarebbe andato nel giro di pochi giorni. Cale guardò verso i domestici, le cui espressioni stavano leggermente migliorando, e iniziò a camminare.

“Andiamo.”

Cale camminò davanti a tutti mentre si dirigevano verso l’edificio a cinque piani. Quando il proprietario entra nella propria casa per la prima volta, doveva camminare di persona dal cancello alla porta della residenza. Questo simboleggiava che quello era il suo territorio.

Quando il Principe ereditario diventava re, il Principe ereditario – no, il re – camminava dal cancello del castello al centro del palazzo, dove il trono si trovava. Era una logica simile.

Conte Deruth e la contessa erano entrati nella residenza in questo modo prima, ma Cale era ora il proprietario di quest’enorme residenza.

Screeeech-

L’enorme cancello di ferro con la tartaruga dorata si chiuse. Nello stesso momento, così com’è solito con l’informazione nella capitale, i nobili vicini seppero tutti dell’arrivo del rappresentante della famiglia Henituse. Ciò avvenne anche prima che la persona che Cale aveva mandato al palazzo per informare la corona del suo arrivo potesse raggiungere il palazzo.

Ecco perché queste tre persone, che erano membri dell’assemblea dei nobili nord-orientali, iniziarono a preoccuparsi. Iniziarono a imbronciarsi mentre bevevano tè tra di loro.

“Sigh… non è davvero il signorino Basen ma il signorino Cale. Questo non farà altro che complicare le cose.”
“Ma dobbiamo averlo con noi, visto che è dei nostri.”
“Questo è vero. Sono sicuro che anche una nullità si comporterà in modo adeguato davanti a noi, giusto?”

La neutrale famiglia Henituse e il buon ma inflessibile Basen. Poi vi era la nullità della famiglia Henituse, Cale. Questi tre, le cui famiglie avevano la relazione più stretta con la famiglia Henituse rispetto a tutte le famiglie nobiliari nord-orientali, scelsero la decisione che aveva più senso per il loro futuro.

“Dobbiamo solo proteggerlo e far sì che non faccia niente di stupido. Prima andiamo a incontrarlo e parliamoci.”

Per loro, Cale era come un bambino che camminava vicino all’acqua e che aveva bisogno della loro protezione. Allo stesso tempo, Cale era pericoloso e poteva causare una sceneggiata in ogni momento. Inviarono immediatamente un invito alla residenza di Cale, che venne velocemente consegnata nelle mani di Cale quella sera stessa.

“Sigh.”

Cale lanciò la lettera sul tavolo con un’espressione irritata.

“Non andrà?”
“Posso non andare?”
“No. È l’assemblea dei nobili nord-orientali.”
“Lo so.”

I nobili erano veloci ad ottenere informazioni. Anche Cale non faceva differenza. Hans gli consegnò il documento che aveva ricevuto dall’amministratore della residenza a Cale.

“Questa è la lista dei nobili che si trovano al momento alla capitale.”
“Ottimo. Ron si è occupato di tutto in modo appropriato?”

Hans aveva una riposta breve alla domanda di Cale.

“Sì.”

Cale fu soddisfatto da quella risposta. Cale aveva preparato parecchio per Taylor. Una parrucca, una tunica, una sedia a rotelle senza lo stemma della famiglia Stan e anche il denaro. Aveva dato tutto a Taylor nel modo più adeguato. Be’, oltre che ai soldi, Hans si era occupato della consegna di tutto il resto.

“Ottimo lavoro. Riposati.”
“Sissignore. Farò sì di riposarmi.”

Hans non era il tipo da dire che era okay quando gli veniva detto di riposarsi. Cale disse un’altra cosa, mentre Hans cercava velocemente di andarsene.

“Ah, ma fammi mandare qualcosa su da mangiare.”
“Lo farò.”

Hans rispose velocemente alla richiesta di Cale, che indicava che non sarebbe andato giù nella sala da pranzo, e presto la camera di Cale venne invasa da un banchetto. Cale osservò i piatti che includevano carne, dolci e anche del vino, e sorrise con soddisfazione prima di dirigersi verso la terrazza.

La sua camera si trovava al terzo piano. Era una stanza che riceva la maggior quantità di luce naturale. Aprì l’enorme finestra che dava sulla terrazza e chiamò.

“Entra.”

Lasciò poi la finestra aperta e si sedette al tavolo. Molto presto, Cale vide un paio di foglie fluttuare nel cielo e sedersi sulla sedia davanti a lui.

Il drago era entrato nella stanza con un paio di foglie attaccate su di lui.

Anche On e Hong si sedettero sulle sedie a sinistra e a destra del drago invisibile.

Cale fissò i tre, prima di aprire la bottiglia di vino e dir loro di mangiare.

“Mangiate.”

Il vino rosso riempì il bicchiere.

“Hai raccolto gli ingredienti per noi, ma non ne hai mangiato neanche un po’.”

Cale portò il bicchiere di vino sulle sue labbra prima di continuare a parlare.

“Sono sicuro che non sia stato facile seguirci.”

In quel momento, il drago nero rimosse la sua magia dell’invisibilità e si mostrò. On lo aiutò a togliergli le foglie che gli erano rimaste attaccate, mentre Hong gli infilò in bocca un pezzo di bistecca che Beacrox aveva cucinato.

L’età media dei tre animali era di 7 anni. Cale osservò semplicemente i tre mangiare, prima di spingere verso di loro il cibo. Vedere Cale essere così gentile fece trasalire On e Hong, mentre il drago nero smise di masticare e iniziò ad osservarlo.

Cale prese un altro sorso e iniziò a pensare.

‘Lavoreranno sodo in futuro.’

Visto che avrebbero dovuto lavorare al suo posto, il minimo che poteva fare era nutrirli bene. Forse era perché erano tutti così giovani, ma Cale fu in grado di rilassarsi per la prima volta dopo molto tempo, anche intorno a persone più forti che normali.

“Sarebbe fantastico se potessi rimanere così.”

Una casa di queste dimensioni, cibo delizioso come questo e il tempo di rilassarsi. Cale stava pensando a quanto sarebbe stato bello condurre una vita con quelle tre cose.

Il suo obiettivo era quello di condurre una vita come questa non appena Basen fosse diventato il successore ufficiale. Cale si decise ancora una volta. Accese poi il carillon magico nell’angolo.

Una canzone che non gli era famigliare iniziò a suonare mentre Cale prendeva un altro sorso di vino. Si accorse che il cielo stava diventano sempre più scuro.

“È fantastico.”

‘Ora, questa è vita.”

Cale aveva un sorriso rilassato sul volto. In quel momento.

Knock knock knock.

Il drago nero divenne immediatamente invisibile di nuovo, mentre i gattini iniziarono a far finta di essere dei gattini normali pulendosi il muso.*
Cale si diresse alla porta.

“Ah.”

Clang!

Cale aveva colpito per sbaglio la bottiglia di vino alzandosi, e questa era caduta finendo in pezzi. Il tappetto iniziò a macchiarsi di vino rosso.

‘…Ho un brutto presentimento.”

Cale iniziò improvvisamente a sentirsi male per nessun motivo. Si diresse in fretta verso la porta.

‘Perché ho questa terribile sensazione?’

Cale non riusciva a capire.

‘È Choi Han? No, non può essere. A meno che non viaggi come un pazzo, non è possibile che sia già qui. Non arriverà prima di 3 giorni.’

Non vi era modo che uno come Choi Han avesse forzato un Lock ferito a viaggiare velocemente. Anche se Choi Han aveva con sé le pozioni che Cale gli aveva dato, la Tribù del Lupo era stata ripudiata dagli dei. Poiché le pozioni erano create con il potere divino, esse non avevano nessun effetto su di loro.

E non era possibile che Rosalyn, la prudente e cauta persona che aveva nascosto le sue abilità magiche all’inizio del romanzo, avesse usato la magia avanzata per trasportare tutti loro alla capitale.

Ma, soprattutto, Cale aveva detto a Choi Han che lui avrebbe soggiornato in un particolare hotel alla capitale. Aveva intenzione di incontrare Choi Han lì una volta prima di lasciare che Ron e Beacrox si occupassero di tutto il resto.

‘Giusto. Questa brutta sensazione è un effetto secondario dovuto al fatto che passo troppo tempo con persone come Ron e Choi Han.’

Cale si calmò prima di aprire con energia la porta.

“…Tu-.”

Il cuore di Cale sprofondò non appena aprì la porta. Una voce disperata e piena di urgenza raggiunse velocemente le orecchie di Cale.

“Cale-nim. Mi scusi. È l’unica persona che mi sia venuta in mente.”

Un Choi Han disperato si trovava di fronte a lui. Sembrava essersi affrettato per arrivare il prima possibile, dal suo aspetto disastrato.

Cale sentì come se avesse visto la cosa più spaventosa in tutta la sua vita. Accanto a Choi Han vi era il vice-maggiordomo Hans, che aveva un’espressione simile a quella di Choi Han ma con un po’ di confusione mista nel mezzo. Tuttavia, il momento in cui Cale vide la persona con cui Choi Han era arrivato, così come quella sulla sua schiena, aprì velocemente la porta.

“Per ora entrate dentro.”

La persona sulla schiena di Choi Han non era altri che un membro della Tribù del Lupo, Lock.

“Portalo con te.”

Lock della Tribù del Lupo Blu, il successore del Re Lupo, sembrava trovarsi in uno stato pericoloso.

Al momento, Lock stava sopportando il dolore prima della trasformazione nella forma berserk per la prima volta nella sua vita. Cale non sapeva il motivo per cui questo stato che sarebbe dovuto accadere un anno dopo nel romanzo stava già avendo luogo.
Tuttavia, guardò tutti e disse solo una cosa.

“Non preoccupatevi.”

 

*I traduttori inglesi hanno lasciato questo video https://www.youtube.com/watch?v=8J_Bl9f-MTA

<< Previous Chapter | Index | Next Chapter >>

Bookmark(0)

No account yet? Register

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *