La Nullità della Famiglia del Conte – Capitolo 20 – Avvistato un drago (3)

Dopo essere uscito dalla prigione, Cale appoggiò il drago di fronte ai due gattini.

“Sembra che faccia male.”
“Così triste.”

On e Hong girarono intorno al drago ancora silenzioso. Il drago iniziò a mostrare i denti e a ringhiar loro contro. Questa era probabilmente la prima volta nella sua vita che vedeva qualcosa di diverso da un umano.

Cale controllò l’ora sul suo orologio. Sembrava che avessero giusto il tempo necessario per scappare.

“Sembra doloroso.”

On si avvicinò a Cale e gli picchiettò la gamba. Sembrava pensare alla pozione che Cale aveva portato nel suo cofanetto magico. Non poteva chiederglielo, così poteva agire solo in questo modo.

“Aspetta.”

Cale aveva comprato quella pozione per usarla. Tuttavia, doveva prima aspettare di rimuovere le catene mana-limitanti. La pozione avrebbe funzionato al meglio solo se il mana, che era importante praticamente come il cuore di un drago, non fosse stato limitato.

Cale iniziò a dirigersi verso la parte opposta della prigione, il luogo in cui il torturatore sembrava star proteggendo. Non era molto rumoroso, ma poteva sentire Choi Han combattere da lontano. Cale suppose che anche la battaglia di Choi Han sarebbe ben presto finita.

“Vediamo.”

Cale iniziò a toccare la parete della caverna con le mani. Diede un calcio al torturatore con il piede per toglierlo di mezzo, e continuò a toccare ogni punto della parete. Il drago ringhiò dopo aver visto il torturatore, ma rimase fermo e continuò a focalizzarsi su Cale.

‘L’ultima linea di difesa di Venion dovrebbe essere qui vicino.

Vi era una zona liscia grande all’incirca quanto la mano di una persona sulla parete irregolare della caverna. Nonostante Venion sembrasse essere affetto da OCD* e il tipo da non fare niente come allenarsi, tutti nella famiglia del marchese dovevano imparare le arti marziali.

‘Se usi abbastanza forza su quel punto, la parete si aprirà.’

Non era uno strumento magico. Invece, la forza dell’impatto faceva muovere lo strumento. Cale voltò la testa per guardare verso la persona che era entrata e chiese.

“Fatto tutto?”

“Sì.”

Choi Han mosse leggermente la spada nell’aria per liberarsi del sangue su di essa e poi si avvicinò a Cale. Il suo sguardo si diresse presto verso il drago, e iniziò a imbronciarsi. Era una reazione naturale dopo aver visto una creatura così piccola essere coperta di sangue. Lo sguardo negli occhi di Choi Han mentre fissava il torturatore era feroce.

“Choi Han.”

Ecco perché Cale aveva richiamato Choi Han. Choi Han stava ancora lanciando delle occhiatacce al torturatore mentre rispondeva.

“Come ha ordinato, ho lasciato scappare solo gli operai. Mi sono anche assicurato che tutti gli individui forti non siano in condizione di combattere.”

“Ottimo lavoro.”

Cale lodò Choi Han prima di indicare una zona liscia sulla parete.

“Colpisci questo punto.”

“Forte quanto posso?”

‘Hai intenzione di distruggere la caverna?’

“No. Controlla la tua forza. Fai finta di dover creare una depressione di dieci centimetri in questa parete.”

“Mm. Quindi, davvero piano.”

“Certo.”

Davvero piano? Cale si allontanò velocemente da Choi Han dopo averlo sentito definire qualcosa che era impossibile per Cale usando solo una piccola porzione della sua forza. Choi Han fraintese ciò come un segnale da parte di Cale di muoversi, e colpì immediatamente la parete con il proprio pugno.

Boom!

“Wow.”

“Oh.”

Cale prese di nuovo in braccio il drago mentre i due gattini fratelli stavano ammirando cosa stava succedendo.

Screeeeeeeech-

Un cigolio raggelante provenne dalla parete, e una zona dalle dimensioni di uomo adulto apparve su un lato della parete della caverna. Choi Han raccolse velocemente la torcia.

“Andiamo.”

All’ordine di Cale, i gattini saltarono sulla schiena di Choi Han mentre questi si avviava lungo il tunnel per primo. Cale lo seguì. Il drago rimase in silenzio tra le braccia di Cale, con solo il suono del suo respiro che proveniva da lui. Tuttavia, gli occhi che stavano fissando Cale erano ancora estremamente feroci.

Piuttosto che gratitudine per averlo salvato, sembrava invaso da pensieri colmi di terrore di poter essere torturato da qualcun altro, così come rabbia e risentimento verso gli umani.

“Smettila di fissarmi così.”

Cale parlò al drago nelle sue braccia con nonchalance.

‘Ah, sono un po’ senza fiato.’

Cale era senza fiato mentre cercava di tenere il passo con Choi Han, che sembrava non aver nessun problema a correre.

‘Avrei dovuto far trasportare il drago a Choi Han?’

Il drago lungo un metro era abbastanza pesante. Non sarebbe stato così difficile se fosse stato in grado di ottenere il potere antico chiamato ‘La Vitalità del Cuore’.

Cale teneva stretto il drago tra le sue braccia, così da non gettarlo via arrabbiato. Non vi era modo che potesse lasciarlo qui dopo aver messo tutto quell’impegno nel salvarlo.

Il drago continuò semplicemente a fissarlo. I vestiti neri di Cale iniziarono a essere sporcati dal sangue del drago.

Dopo aver corso per quel tunnel buio e stretto per qualche minuto, Choi Han chiamò all’improvviso Cale.

“C’è una muro davanti a noi.”
“Colpisci il centro del muro con il tuo pugno con la stessa forza di prima. Poi continueremo a correre, come avevamo detto.”
“Ho capito!”

I gattini saltarono già dalla spalla di Choi Han e iniziarono a correre. Choi Han mise un po’ di forza nel proprio pugno e colpì il centro della parete con la stessa forza di prima.

Boom!

La parete quasi istantaneamente crollò, e loro poterono vedere il cielo stellato. Erano fuori dalla caverna. Questa volta Cale prese l’iniziativa mentre si guardava attorno.

Questa era la ragione per cui avevano avuto bisogno che il disturbatore di mana funzionasse sull’intera montagna. Venion aveva installato un registratore magico anche sull’entrata di questo tunnel segreto. Era una persona molto scrupolosa.

Cale non sapeva esattamente dove questa entrata fosse localizzata, e questo aveva reso necessario che il disturbatore di mana funzionasse sull’intera montagna.

Non rimaneva loro molto tempo. Dovevano allontanarsi dal raggio del registratore magico nei prossimi uno o due minuti. Ma non doveva essere un problema.

Choi Han seguì Cale e creò nuove tracce della loro presenza, o ne cancellò alcune mentre passavano. Dopo esser sopravvissuto nella Foresta dell’Oscurità da solo per così tanto, era un esperto nel creare e seguire le tracce. Dopo aver corso dall’entrata del tunnel segreto per circa due minuti, Cale guardò il proprio orologio.

“Fermi.”

Gli allarmi che stavano squillando nella zona smisero improvvisamente di suonare. Il disturbatore di mana aveva smesso di funzionare.

“Uuuuh~.”

Cale prese un respiro profondo per calmare il cuore che stava battendo rapidamente. Lo Scudo Indistruttibile intorno al cuore stava raccogliendo le forze ogni volta che il suo cuore batteva così, in caso di emergenza.

‘Non ho nessuna intenzione di usarlo adesso.’

Tuttavia, Cale non aveva ancora intenzione di usare questo scudo. Dopo aver liberato questo drago e detto addio a Choi Han nella prossima città, aveva in programma di ottenere il potere antico, ‘La Vitalità del Cuore’, per rafforzare questo scudo. Solo allora avrebbe usato lo scudo.
Adesso che aveva il tempo di guardarsi attorno, Cale abbassò lo sguardò verso il drago. Iniziò poi a sorridere.

Lo sguardo ribelle era sparito, e il drago stava osservando il cielo stellato con ammirazione. Questa era la prima volta, nei suoi quattro anni di vita, che il drago vedeva qualcos’altro oltre alle pareti della caverna. Cale capì cosa il drago stesse provando, e voleva concedergli più tempo, ma non poteva permetterselo.

Appoggiò il drago a terra sull’erba e continuò a guardarlo. Il drago ricambiò lo sguardo. I suoi occhi erano ancora una volta pieni di rabbia e risentimento, mentre raggomitolava il proprio corpo e sembrava pronto ad attaccare.

‘Non mi stupisco che abbiano continuato a torturarlo per quattro anni. Non voleva cedere per niente.’

Ecco perché a Cale piaceva questo drago. Era diverso da se stesso. Crescendo mentre veniva abusato perché orfano, Cale – be’, Kim Rok Soo – si era arreso. Dopo essersi arreso in un posto che aveva chiamato casa, non pensava di avere le forze di combattere contro il mondo.

“Ehi.”

Cale si assicurò che il drago lo stesse guardando, per poi tirare fuori un paio di guanti e un oggetto tagliente dalla forma di un paio di forbici. Vi erano diversi sigilli magici su entrambe le lame per tagliare. Indossò poi i guanti resistenti all’elettricità.

Questa lama era uno dei due oggetti che aveva affittato a nome di Billos. Non era qualcosa che potevi prendere in prestito con il denaro.

‘Non so il motivo per cui ne ha bisogno ma, signorino, spero di vederla vivo alla capitale.’
‘Pensi che morirò?’
‘Quello che so è che ha intenzione di creare subbuglio.’
‘…Stai zitto.’

Cale stava pensando alla conversazione che aveva avuto con Billos, prima di rendersi conto che il proprio ambiente circostante era all’improvviso diventato estremamente silenzioso. Choi Han stava fissando la lama con occhi confusi, mentre i gattini fratelli si erano allontanati da Cale e si stavano nascondendo dietro Choi Han.

Il drago lo stava ancora semplicemente fissando.

“Tsk.”

Cale schioccò la lingua alla loro reazione e si avvicinò al drago. La catena mana-limitante era fatta da qualcosa simile alla gomma. Se fosse stata fatta di metallo, non sarebbe aderita bene al drago che stava crescendo. Ecco perché era fatta con qualcosa con un po’ di elasticità.

Afferrò poi il collo del drago.

“Gasp.”

I gattini presero un respiro profondo. Tuttavia, Cale li ignorò mentre andava avanti, visto che era meglio agire il più velocemente possibile. La lama si diresse verso il collo del drago. La lama affilata brillò sotto la luce della luna, e il drago prestò attenzione solo agli occhi di Cale. Gli occhi di Cale erano privi di emozione e pacifici.

Il drago chiuse i propri occhi.

In quel momento, tutti loro sentirono il rumore di qualcosa che veniva tagliato.

Sizzle. Sizzle.

La catena mana-limitante stava causando delle scintille nelle mani di Cale.

“Cosa stai guardando?”

Cale prese in giro il drago che aveva aperto gli occhi per osservarlo e tolse uno dei guanti e lo passò a Choi Han. Choi Han indossò il guanto e Cale gli passò la catena prima di tirar fuori la pozione dalla propria tasca.

Era una pozione del livello più alto. Anche questa costava un po’. Aveva fatto sentire Cale in colpa in quanto aveva chiesto un assegno i giorni precedenti alla sua partenza. Cale schioccò la lingua e fisso attentamente il drago.

“Sai quanto denaro ho speso su di te?”

Il drago aveva sentito quelle stesse parole parecchie volte. Le aveva sentite quasi ogni giorno da quando era nato. Perché non mi ascolti quando ho speso così tanto denaro su di te? Immagino che tu abbia bisogno di essere picchiato un altro po’. Veniva poi picchiato. Loro dicevano che doveva smetterla di pensare e che doveva ascoltarli mentre continuavano a picchialo.
Tuttavia.

“Visto che ho speso così tanto denaro su di te, è bene che tu guarisca bene, stupido idiota.”

Il drago non sentì nessun dolore.

Cale versò circa metà della pozione sul collo del drago, e il resto nella sua bocca. Fortunatamente, il drago non oppose resistenza e ingoiò.

Dopo qualche minuto, Cale poté solo pensare che quello fosse davvero un drago. Il mana, che era l’equivalente del cuore del drago e la fonte del suo potere, iniziò a circolare nel suo corpo.

Tutte le ferite sul corpo del drago sparirono immediatamente, e un’aura blu che sembrava essere il mana del drago circondò il suo corpo come il vento.

Questo cambiamento che avvenne in un istante fece pensare a Cale quanto davvero fosse spaventosa e potente l’esistenza dei draghi in questo mondo.

“Ehi.”

Il drago non aveva nessun motivo di venire ferito di nuovo. Il piccolo e intelligente drago sembrava comprendere cosa fosse successo al proprio corpo, mentre i suoi occhi tornavano completamente in vita.

Cale fece un passo verso il drago. Il cucciolo di drago si raggomitolò mentre continuava a osservare Cale. Cale ignorò il drago e chiese.

“Cosa vuoi fare adesso?”

Cale iniziò a sorridere mentre osservava il drago rimanere in silenzio.

“So che puoi parlare la lingua umana. Sei un drago. L’esistenza più intelligente e potente al mondo.”

Cale chiese ancora una volta.

“Cosa volevi fare una volta libero?”
“…Io.”

Il drago iniziò a parlare. Il drago sapeva davvero come parlare la lingua umana. Era molto più intelligente degli umani. Non vi era modo che non l’avesse imparata negli ultimi quattro anni.

“Io.”

Il drago poteva percepirlo nel cuore. Con la sua attuale forza, poteva facilmente uccidere l’uomo davanti a sé. Era spaventato dall’uomo dietro, ma gli sarebbe stato possibile uscirne vivo. Aveva acquisito la forza per cui aveva aspettato così a lungo di ottenere.

Ecco perché il drago disse finalmente ciò che aveva pensato in continuazione tra sé e sé negli ultimi quattro anni. Tuttavia, questa era la prima volta che lo aveva mai detto ad alta voce.

“Vivrò.”

Lui vivrà, non importa cosa gli sarebbe costato.

“Me ne andrò.”

Aveva intenzione di andarsene da lì.

Rivelò i suoi pensieri interiori.

“Non mi farò addomesticare.”
“Sì. Hai ragione.”

Cale stava dicendo che il drago aveva ragione.

“Sei un drago. UN DRAGO. Hai il diritto di vivere libero.”

Anche un drago di quattro anni era più forte della maggior parte degli animali al mondo. Aveva abbastanza forza da sopravvivere da solo e, normalmente, i draghi erano molto indipendenti e orgogliosi. In genere, volevano creare un proprio nido una volta compiuti due anni. Era tutta un’altra cosa da un umano di due anni.

Cale guardò negli occhi del drago, che ancora non si fidava degli umani, e iniziò a parlare in modo inflessibile.

“Non mi occuperò di te.”

Cale non aveva ragione di prendersi cura di qualcosa che era più forte di lui. C’erano già troppi potenziali grattacapi per avere anche lui attorno per ripagare l’aiuto di Cale. Era diverso dai figli della Tribù del Gatto, On e Hong. Un drago era oltre i limiti di Cale.

Il drago non poteva fidarsi di Cale.

“Bugiardo. Gli umani sono bravi a mentire.”

Vi era ora rabbia negli occhi del drago. Quella rabbia non era diretta a Cale, però. I draghi nascevano per natura con molto orgoglio. Questa rabbia proveniva dagli anni in cui il suo orgoglio era stato calpestato dagli umani.

“Immagino che sia vero. Mento abbastanza spesso anche io.”

Cale accettò facilmente le parole del drago, e continuò a parlare.

“Vivi come preferisci. Cos’è che vuoi fare?”
“Io-.”

Il cucciolo di drago sollevò la propria testa per osservare il cielo stellato. Era diverso dall’oscurità all’interno della caverna. Era buio, ma vi era ancora luce.

“Odio gli umani. Voglio essere libero.”
“Bene.”

Cale si alzò dal suo posto. Tirò poi fuori delle pozioni di medio livello e un borsellino dalla sua borsa magica e ci mise dentro le pozioni prima di passarlo al drago.

“Vivi libero.”

Le pupille nere del drago si allargarono e iniziarono a tremare. Tuttavia, vi erano ancora dubbio e risentimento nei suoi occhi. Ovviamente, a Cale non interessava.

‘Questo dovrebbe essere abbastanza.’

Aveva liberato il drago, rovinato Venion, salvato il villaggio e aiutato Choi Han a capire cosa la libertà significasse grazie al drago.
Per di più, non doveva assumersi la responsabilità per il drago. Poteva vedere nei suoi occhi che non aveva intenzione di seguirlo. Era una conclusione davvero buona. Cale parlò ai suoi compagni di squadra con un tono soddisfatto.

“Andiamo.”

Voltò le spalle al drago senza nessun rimpianto, e iniziò a camminare. Choi Han seguì in silenzio Cale e si focalizzò nell’alterare le loro tracce. I gattini, che avevano esitato un attimo, videro il drago spostare lo sguardo da Cale prima di seguirlo.

Non appena anche i fratelli della Tribù del Gatto si allontanarono da lui, il drago sollevò la propria testa e li osservò camminare via.

“…Io odio gli umani… loro sono cattivi…”

Per qualche ragione, il drago stava prestando maggior attenzione alla schiena dell’umano, la razza a cui era più fastidiosamente abituato e che odiava, piuttosto che al cielo stellato che vedeva per la prima volta.

Hong si avvicinò lentamente a sua sorella On mentre seguivano Cale.

“Noona, penso che ci seguirà.”
“Uh huh. Lo penso anche io.”
“Avrò un fratellino?”
“Sembra proprio così.”

I gattini stavano parlando tra di loro, ma Cale li schernì e rispose a tono.

“Impossibile. I draghi sono estremamente orgogliosi e non accetteranno mai di essere sotto un umano. Per di più, i draghi odiano gli umani.”

L’espressione di On sembrava essere in disaccordo. Se un gatto avesse un’espressione deridente, quella sarebbe stata probabilmente la faccia di On in quel momento. On scosse la testa e mormorò sottovoce.

“…Non penso proprio.”
“…Uh huh.”

Hong guardò alle sue spalle prima di dare ragione alla sorella. Il drago nero stava ancora guardando verso la loro direzione. Hong ora ne era certo. Questo drago si sarebbe goduto la libertà per un po’, prima di condividere del manzo con lui in futuro.
Cale ordinò ai due gattini che stavano mormorando tra di loro.

“Andate a prendere la sfera nera.”

I due fratelli andarono a prendere la sfera nera così da poter mangiare ancora più manzo. Cale non guardò nemmeno verso i fratelli, mentre dava dei colpetti sulla spalla di Choi Han.

“Ottimo lavoro.”

Oggi doveva essere la prima che Choi Han aveva salvato qualcosa. Vi era la battaglia con i banditi di prima, ma quello era più proteggere che salvare.

Ovviamente, gli eventi attuali erano cambiati da salvare le persone del villaggio da un drago nel romanzo nel salvar il drago che aveva in realtà ucciso nel romanzo; ma la cosa importante era che lui avesse ‘salvato’ qualcuno.

“Cale-nim.”
“Cosa.”

Choi Han rimase in silenzio per un po’ dopo aver chiamato il nome di Cale, prima di ricominciare di nuovo a parlare ancora una volta.

“E se il drago decidesse che vivere come vuole significhi seguirla, Cale-nim?”
“Non accadrà mai.”
“Se. Solo ipoteticamente parlando.”

‘Ipoteticamente?’

Cale ci pensò per un po’, prima di rispondere con leggerezza.

“Non penso ai se o al passato.”

Ma per qualche ragione, Cale fu percorso all’improvviso dai brividi e si guardò alle spalle per la prima volta da quando si era allontanato dal drago. Fortunatamente, il drago nero non era visibile.

Cale sospirò sollevato, prima di tornare alla locanda e addormentarsi. Ecco perché non si era reso conto che il drago aveva usato la magia per la prima volta per diventare invisibile, e si era seduto alla sua finestra per diverso tempo prima di andarsene. Il drago stava stringendo forte la borsa con le pozioni che Cale gli aveva dato.

Il giorno dopo, Cale doveva fare i conti con le domande di Choi Han sin di prima mattina.

“Cale-nim. Vi è una città a due giorni da qui. È quello il punto intermedio?”

Era quasi ora che Choi Han completasse il ‘pagamento’ di cui Cale aveva discusso.

Significava anche che Cale era prossimo a ottenere un altro potere antico per se stesso. Originalmente, nel romanzo, il figlio più grande della famiglia del marchese Stan, quello che era stato ostracizzato da Venion, avrebbe trovato il potere antico in circa un mese. Era il suo ultimo barlume di speranza ma, sfortunatamente, finì coll’essere un potere che non poteva utilizzare.

 

*OCD sta per obsessive-compulsive disorder, ossia disturbo ossessivo-compulsivo o DOC.

 

<< Previous Chapter | Index | Next Chapter >>

Bookmark(0)

No account yet? Register

2 Replies to “La Nullità della Famiglia del Conte – Capitolo 20 – Avvistato un drago (3)”

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *