La Nullità della Famiglia del Conte – Capitolo 21 – Restituire un favore (1)

Cale annuì con nonchalance verso Choi Han in questa mattinata e afferrò il bicchiere di acqua fredda che Ron aveva preparato per lui. Cale si ricordò cosa Ron avesse detto prima, mentre percepiva l’acqua fredda scorrere attraverso il suo corpo.

‘Signorino, non è bene fare una così lunga passeggiata notturna. Questo Ron era molto preoccupato per lei.’

Gli aveva schiarito la mente, anche senza l’acqua fredda per qualche ragione. Cale mise giù con cautela l’acqua e iniziò a parlare a Choi Han.

“Ti sei occupato di tutto in modo appropriato?”
“Sì, Cale-nim.”

Dopo che Choi Han aveva portato Cale alla locanda, era immediatamente tornato indietro per cancellare le loro tracce e crearne di false che si dirigessero verso ovest.

Meeeeeow. Cale guardò verso i gattini che stavano mangiando delle strisce di carne essiccata e sbadigliando, e iniziò a spiegare a Choi Han della città che avrebbero presto raggiunto.

“Il nome della prossima città è Puzzle City. È il punto intermedio del nostro viaggio.”

Una volta fuori dal territorio degli Henituse circondato dalle montagne, tutte le strade erano ben lastricate a partire da questo piccola città nel territorio del visconte fino alla capitale.

‘Quello è il motivo per cui il territorio degli Henituse è rimasto al sicuro fino ad adesso, anche se è un po’ seccante per i mercanti.’

Anche se hai diversi beni da vendere, diventava difficile per i mercanti viaggiare per comprare quei beni se le strade erano irregolari. Tuttavia, i mercanti si spingevano oltre questa inconvenienza perché le strade erano lastricate non appena lasciavano il territorio degli Henituse.

Per di più, queste strade lastricate permettevano alle autorità influenti della metà orientale del Regno di Roan di riunirsi di frequente. Ecco perché le persone nella capitale erano in grado di discutere vari problemi nell’est, anche se non vi era nessun nobile con un titolo nobiliare più alto del rango di marchese nell’est.

“Ci abbiamo messo un po’ per arrivare a questo punto perché il nostro territorio ha molte montagne, ma non occorrerà molto tempo da qui in poi.”

Puzzle City non era il punto intermedio in fatto di distanza, ma di tempo.

“Ma Cale-nim.”
“Cosa?”
“Sono andato a controllare la villa del visconte tornando indietro.”
“E?”

Osservando l’espressione stoica di Cale, Choi Han ebbe un’espressione leggermente amara mentre rispondeva.

“Sembravano tutti essere impanicati. Vi erano anche soldati e cavalieri che stavano lasciando il villaggio.”
“Sono certo che siano andato a fare rapporto.”

Dopo aver ripreso conoscenza, avevano probabilmente mandato delle persone a Venion e a investigare la zona intorno alla caverna. Tuttavia, quella non sembrava la fine del rapporto di Choi Han.

“Tuttavia.”
“Dillo e basta.”

Cale iniziò a imbronciarsi, e ribatté senza tanti giri di parole a Choi Han. Choi Han sembrava ancora avere addosso quell’espressione amara e iniziò lentamente a parlare.

“Una parte del tunnel segreto che abbiamo percorso dalla caverna è saltata in aria. Anche gli alberi, l’erba, il terreno, e tutto quello che vi è attorno è un disastro.”

Plop.

I gattini fecero cadere le strisce di carne essiccata che avevano in bocca. Tuttavia, Cale era ancora rilassato.

“Sono sicuro che sia stato il drago.”

Choi Han stette semplicemente lì in silenzio. Cale lo vide, e iniziò a sorridere mentre si alzava dalla propria sedia.

Anche se aveva solo 4 anni, il drago era ancora estremamente intelligente. Sapeva che qualcuno sarebbe potuto sbucare dalla via d’uscita, e aveva probabilmente deciso di farla saltare. Visto che i draghi erano anche molto sensitivi al mana, aveva probabilmente demolito tutto ciò che era intorno per distruggere anche gli strumenti magici nei dintorni.

“È sufficiente che non abbia ucciso tutte le persone svenute. Si sta probabilmente trattenendo perché è giovane ed è ancora un po’ spaventato.”
“Capisco. Ho percepito una grande quantità di mana lì.”
“Non sottovalutare il drago solo perché è piccolo. Te ne pentirai.”

Si diceva che i draghi fossero larghi animali che erano estremamente meschini. Cale lodò se stesso ancora una volta per aver lasciato il drago e non averlo portato con sé, prima di porre a Choi Han una domanda.

“Puoi andartene adesso. Dormirai fino a quando non partiremo?”
“No. Devo aiutare Beacrox.”
“Chi? Beacrox?”

Cale trattenne il fiato scioccato e chiese velocemente.

“Oh, immagino che siate amici adesso?”

In quel momento, Cale vide Choi Han assumere un’espressione impassibile per la prima volta. Choi Han rispose in modo molto inflessibile.

“No. Non siamo per niente amici.”
“…Io-io capisco… okay allora.”

Cale rispose con un’espressione simile sul volto, e Choi Han si inchinò in silenzio prima di dirigersi fuori dalla stanza. Cale diede a Choi Han un ordine mentre questi apriva la porta per uscire.

“Ah. Di ad Hans di preparare qualche drink quando esci.”
“Mi scusi?”

Gli occhi di Choi Han si allargarono scioccati mentre si voltava verso Cale. Il suo sguardo faceva avanti e indietro tra il rilassato Cale e l’orologio che segnava le 7 di mattina. Cale rispose in modo rilassato alla domanda silenziosa di Choi Han.

“Non hai mai sentito parlare di drink per sbornie?”

Choi Han se ne andò senza dire altro, ma a Cale non interessava. Anche On e Hong lo stavano guardando e sembravano chiedere se avesse davvero intenzione di iniziare a bere così presto, ma lui ignorò anche loro e osservò lo specchio.

“Che espressione meravigliosa.”

La sua faccia sembrava estremamente stanca, e ancora un po’ ubriaca. Cale annuì soddisfatto, prima di dirigersi verso il primo piano.

‘Come mi aspettavo.’

Le 7 di mattina era presto, ma il giorno non era ancora finito per alcune persone. Il vicecapitano se ne stava lì in piedi, come se non avesse mai bevuto la scorsa notte, e stava avendo una conversazione seria con qualcuno.

Cale poteva vedere un Choi Han teso nelle vicinanze. Era perché la persona che stava parlando con il vicecapitano era uno dei cavalieri che Choi Han aveva sconfitto ieri. Era normale irrigidirsi.

Cale si avvicinò a Choi Han, e gli diede un calcio al piede.

“Perché ti stai irrigidendo così?”
“Ah.”

Choi Han trasalì per un momento al sussurro furtivo di Cale, prima di sorridere in modo impacciato e rispondere tranquillamente.

“Pensavo di aver usato abbastanza forza da non renderli in grado di combattere per circa un giorno, ma sono già in piedi e si stanno muovendo molto prima di quanto mi aspettassi. Immagino di aver pensato che il corpo umano fosse molto più debole di quanto sia in realtà. Presumo di poter usare più forza contro gli esseri umani in futuro.”

Cale spostò il proprio sguardo da Choi Han. A Choi Han calzava a pennello il modello di un normale protagonista che avrebbe felicemente distrutto ogni cosa nel suo cammino verso la giustizia. Vi erano anche altre esistenze che erano al di là delle aspettative di Cale.

On e Hong lo avevano seguito di sotto. I gattini avevano dei sorrisetti sul volto mentre muovevano le loro code e sbirciavano verso il cavaliere. Chiunque poteva dire che si stavano godendo la situazione.

‘…Sono il più codardo qui?’

Mentre Cale pensava ciò e sedeva al proprio tavolo, il proprietario della locanda gli portò una bottiglia di alcol.

“Signorino, le ho preparato lo stesso alcol che ha bevuto la scorsa notte.”
“Vecchio, c’è una cosa che mi viene in mente ogni volta che ti vedo.”
“Sì?”

Cale sorrise al vecchio nervoso e continuò a parlare.

“Penso che tu sia un venditore davvero intelligente. È un complimento. Questo è un perfetto drink per la sbornia.”

Pong.

La bottiglia di alcol si aprì con un suono rinfrescante, e Cale si versò immediatamente un bicchiere e lo mandò giù. La sua faccia iniziò quasi immediatamente a divenire rossa. Cale tenne gli occhi mezzi aperti di proposito, e guardò verso il vicecapitano. Il vicecapitano stava ancora parlando con l’altro cavaliere.

“Ieri abbiamo avuto una festa per rilassarci dopo aver compiuto un lungo viaggio per arrivare fino a qui. Tutti hanno bevuto e si sono rilassati. Nessuno ha lasciato la locanda. Ma ancora non capisco il motivo per cui qualcuno della tenuta del visconte sia curioso di ciò.”

Il cavaliere della tenuta del marchese sembrava aver introdotto se stesso come qualcuno della tenuta del visconte. Il cavaliere sorrise allo sguardo sospettoso del vicecapitano, ma rispose comunque con un’espressione seria.

“C’è stato un ladro che si è introdotto nella villa del visconte ieri. Io e una coppia di cavalieri eravamo di guardia, ma il ladro è riuscito a rubare un paio di oggetti. Dopo aver sentito che persone della tenuta del conte Henituse erano qui al villaggio, siamo venuti a vedere se il ladro avesse derubato anche il conte.”

‘Ladro ‘sto cazzo. Be’, immagino che un ladro di draghi sia lo stesso un ladro.’

Cale prese un sorso direttamente dalla bottiglia prima di pensare a ciò. In quel momento, incrociò lo sguardo con il cavaliere che era alla villa del visconte ieri.

“Cosa stai fissando?”

Il cavaliere si inchinò immediatamente e spostò il proprio sguardo. Il vicecapitano guardò verso Cale a disagio, prima di lasciarsi scappare un finto colpo di tosse e rispondere poi in modo confidente e rumoroso.

“Ahem. Il nostro signorino sta bevendo perché la giornata diviene migliore se beve al mattino. Per di più, è un drink per la sbornia. È il tipo di persona che beve per curare la propria sbornia causata dal bere troppo la notte precedente.”

Cale lanciò un’occhiataccia al vicecapitano perché non riusciva a capire se lo stesse prendendo in giro o stesse cercando una scusa per lui, prima di prendere un altro drink.

“Capisco. Che signorino interessante.”

Il cavaliere rispose alle parole del vicecapitano in modo positivo, prima di inchinarsi rispettosamente verso Cale.

‘Immagino che questo diminuisca i loro sospetti verso di noi.’

Cale pensò che non avrebbero più avuto nessun motivo di essere sospettati dal cavaliere del marchese che era giunto alla locanda così presto al mattino. Il drago era sparito mentre il seguito di Cale era qui, e loro sarebbero ripartiti il mattino seguente, ma non vi erano molte ragioni per sospettarli.

I subordinati qui rimasti di Venion penseranno alle uniformi con le sei stelle che gli aggressori indossavano, quelli che sembravano rappresentare una certa organizzazione, così come le tracce che conducevano ad ovest. Ancora più importante, tuttavia, era che non avrebbero mai pensato che uno come Cale, chiamato nullità, sarebbe stato in grado di fare una cosa simile.

“Allora le auguro un buon viaggio.”

Per di più, non vi era modo che trattenessero il primogenito del conte dall’andarsene quando il marchese, Venion o nemmeno il visconte erano lì con loro. Specialmente quando quel nobile si stava dirigendo alla capitale sotto ordine della corona.

‘Chi penserebbe mai che un nobile che beve in viaggio per presentarsi a una convocazione della corona possa essere normale?’

Era davvero bello essere una nullità. Cale continuò a bere soddisfatto.

‘Sono sicuro che Venion non sospetterà di noi, anche dopo aver saputo quello che è successo.’

Venion e il marchese Stan erano probabilmente le persone che sapevano meglio di chiunque altro che non vi era in modo assoluto nessuna relazione tra conte Henituse e l’organizzazione segreta. Quello era specialmente il caso quando si parlava del drago.

Cale osservò il cavaliere andarsene dalla locanda prima di bere il tè al limone e miele che Ron gli aveva messo davanti.

“Ron.”
“Sì, signorino.”
“Il tè al miele sembra essere il meglio per curare una sbornia.”
“Vero?”

Ron sorrise mentre osservava Cale, ma questi distolse lo sguardo e provò a calmare il proprio stomaco. Non appena Cale smise di sentirsi male per aver bevuto troppo, partirono ancora una volta.

La loro prossima destinazione era Puzzle City. Era la città che si trovava al centro del trasporto di beni nell’est, ed era abbastanza famosa per il numero di torri rocciose intorno alla città.

Cale doveva trovare una torre rocciosa incompleta a Puzzle City.

“Ci accampiamo fuori oggi?”

On prese un boccone dalla strisciolina di carne essiccata mentre chiedeva a Cale. Cale annuì con la testa.

“Sì. A partire da oggi, ci accamperemo fuori ogni tanto.”

Cale aveva anche stabilito un programma abbastanza fitto da qui in poi. Era perché voleva avere abbastanza tempo a Puzzle City. Distolse lo sguardo dai due gattini fratelli, che stavano sussurrando a bassa voce tra di loro, e guardò fuori dalla finestra della carrozza.

“La Vitalità del Cuore.”

Quello era il nome del potere antico che avrebbe rafforzato lo Scudo Indistruttibile. Questo era un potere che si focalizzava sul ripristino e sulla vitalità.

‘Ecco perché il primogenito lo stava cercando.’

Taylor, il primogenito del marchese, che aveva perso la propria posizione di erede. Era l’unica persona buona nella famiglia del marchese, ma la parte inferiore del suo corso era rimasta paralizzata a causa degli schemi di Venion.
Taylor aveva ispezionato ogni genere di testo per cercare un potere che potesse curarlo. Era riuscito a trovare un testo antico in una vecchia libreria durante le ricerche e, nonostante fosse difficile decifrare il testo antico, era riuscito a tradurre qualche parola dopo diverso duro lavoro.

Ripristino. Torre di pietra.

Queste due cose erano diventate degli indizi che, immediatamente, avevano condotto Taylor a Puzzle City, la quale poteva anche essere chiama la città della Torre di pietra. Adesso era probabilmente a Puzzle City. Nel romanzo, avrebbe trovato il potere antico in circa un mese da adesso.

‘Ma è stato inutile.’

La ‘Vitalità del Cuore’ non era in grado di ripristinare un corpo già ferito. Era solo in grado di ripristinare tutte le ferite ricevute dopo aver guadagnato il potere. Vi era anche un limite su quanto poteva essere ripristinato, così come un costo per ogni ripristino.

Taylor cadde nella disperazione dopo aver scoperto ciò. Non aveva tempo, e quel potere antico era la sua ultima speranza. Era perché Taylor non sapeva quando Venion l’avrebbe ucciso.

‘Muore un mese dopo aver trovato il potere.’

Taylor finisce col morire per mano di un’organizzazione sconosciuta mentre la capitale si trova in uno stato di caos dovuto all’incidente terroristico. Ovviamente, Venion era colui che aveva messo quell’organizzazione alle calcagna di Taylor.

La ragione per cui Cale si ricordava di questo personaggio secondario, che sembrava avere un ruolo ancora più piccolo del Cale originale nel romanzo, era dovuta alla stretta amicizia che aveva con la sua amica.

La folle sacerdotessa. Era l’amica di Taylor e l’unica persona che sopravvive all’assassinio di Taylor. Uccide metà degli assassini in un impeto di rabbia e finisce con l’essere scomunicata dal tempio. Ottiene un’ampia ferita sulla schiena durante l’incidente e racconta al tempio con fierezza quello che aveva fatto.

‘Ho agito come un essere umano piuttosto che seguire la volontà del signore. Credo che sia la cosa giusta da fare.’

Poi continuò.

‘Adesso sono libera!’

Fu allora che iniziò a essere soprannominata la folle sacerdotessa dagli altri. La sua specialità era usare il potere del Dio della Morte per le maledizioni. Il tempio l’aveva scomunicata, ma il suo dio non l’aveva abbandonata.

Quando nel romanzo la guerra scoppiò, divenne famosa, anche se non era un’eroina, per come aiutasse a guarire i feriti.

‘Penso che questa volta sarà diverso.’

Vi era una buona probabilità che Taylor non sarebbe morto in un mese. Venion sarebbe stato impegnato a occuparsi dell’incidente del drago e a fare il ruffiano con il marchese. Avrebbe probabilmente dovuto concentrarsi sui fratelli minori piuttosto che sul fratello maggiore paralizzato se voleva mantenere il proprio status di erede al titolo di marchese.

‘E visto che prenderò l’ultima speranza di Taylor, dovrò dargliene una nuova.’

Benché la Vitalità del Cuore fosse un potere antico di cui Taylor non avesse bisogno, Cale non era una così cattiva persona da portare via l’ultima speranza di qualcuno.

Cale era anche curioso di sapere cosa quella combinazione di Taylor e della folle sacerdotessa potesse realizzare se fossero riusciti a vivere più a lungo. Credeva che i due avrebbero cambiato la tenuta del marchese. Se ciò fosse accaduto, avrebbe beneficiato Cale a lungo andare.

Tuttavia, qualcosa che pensò all’improvviso gli fece irrigidire l’espressione.

‘Anche Beacrox ha avuto difficoltà sotto la sua maledizione, vero?’

Non appena Cale pensò ai problemi che l’esperto torturatore Beacrox aveva avuto con la sacerdotessa, smise immediatamente di pensare a lei. Decise di smetterla di rimuginare anche sulla buona natura di Taylor e della sua premura nei confronti dei cittadini.

‘Non sono compatibili con me.’

Erano un tipo di persona diverso da Cale. Erano brave persone che erano fedeli e che si fidavano l’uno dell’altra profondamente. Cale preferiva Ron o Beacrox a questo genere di persone.

‘…No. Come posso anche solo avere questi pensieri orribili.’

Cale smise velocemente di pensare anche a Ron e Beacrox.

In quel momento, Cale abbassò lo sguardo dopo aver sentito qualcosa toccarli la gamba. Poteva vedere le pupille dorate dei gattini brillare, mentre questi iniziavano a parlare.

“L’ho sentito da Hans prima.”
“Hans ha detto.”

Hans ancora non sapeva che i gattini facevano parte della Tribù del Gatto, e continuava a dire ogni sorta di cose davanti a loro. I gattini sembravano volergli raccontare qualcosa che avevano sentito da Hans.

“Cosa?”

I fratelli sembravano essersi abituati al modo rude di chiedere le cose di Cale, e iniziarono a parlare.

“Se esprimi un desiderio a una torre di pietra, questo si realizzerà!”
“Ha detto che le torri di pietra sono belle.”
“Voglio andare. Ma va bene se è troppo un fastidio.”
“Voglio andarci insieme a te, ma è okay se è troppo difficile.”

Cale fissò con perplessità i gattini irrequieti prima di chiedere in modo casuale.

“Che desiderio avete?”

Hong scosse il proprio pelo, che era adesso più sano e brillante grazie alle ottime cure di Hans, e urlò con eccitazione.

“Che tutti, compreso il mio nuovo fratellino-”
“Respinto.”

Cale iniziò immediatamente a ignorare i gattini e si voltò. La carrozza si fermò nello stesso istante. Erano arrivati al luogo del loro accampamento per la notte.

“Sembra proprio che ci accamperemo di nuovo a partire da oggi.”
“Infatti.”

Cale rispose all’affermazione di Hans, prima di osservare l’accampamento. Il vento proveniente dalla foresta soffiò verso la sua testa. Cale passò la notte con una mente abbastanza rilassata.

La mattina seguente.

“Signorino.”
“…Cos’è questo?”

Cale fissò il cervo morto al limite del loro accampamento. Era stato cacciato di recente. Hans aveva fatto rapporto a Cale, che aveva semplicemente continuato a fissare il cervo.

“Qualcuno lo ha lasciato fuori dal nostro accampamento.”

Hans indicò vicino al cervo. Anche Cale stava osservando quel punto. Sul terreno vi era un disegno di una forchetta e un coltello.

Era come se qualcuno avesse lasciato lì il cervo per essere mangiato da loro. Cale ebbe improvvisamente un pensiero strano. Voltò lo sguardò verso i propri compagni. I gattini fratelli tra le braccia di Choi Han, così come Choi Han stesso, stavano sorridendo mentre lo guardavano.

‘…Ho un brutto presentimento a riguardo.’

Aveva davvero un brutto presentimento.
Un individuo che poteva parlare, ma non scrivere, aveva lasciato un cervo per loro.
In più, era un individuo di cui Choi Han, la persona di guardia la scorsa notte, era a conoscenza fosse presente ma che aveva fatto finta di non vedere.

‘…Ho un brutto presentimento che sia il drago.’

Voltò la testa per guardare Choi Han, On e Hong, che lo stavano ancora fissando, e li avverti seriamente.

“Faremo finta di non sapere.”

Meeeow.
Meeow.

I due fratelli sembrarono prenderlo in giro, ma Cale fece finta di non rendersene conto. Tuttavia, un nuovo ingrediente venne loro recapitato ogni volta che Cale e il gruppo si accampavano fuori. Cinghiali, conigli e tutta una sorta di frutta. Cale era ormai certo dell’esistenza del drago che lo stava seguendo.

Cale poi arrivò a Puzzle City con quella conferma in testa.

 

 

Per chi non lo sapesse, “fare il ruffiano” significa adulare una persona per ottenere qualcosa che si vuole.

<< Previous Chapter | Index | Next Chapter >>

Bookmark(0)

No account yet? Register

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *