La Nullità della Famiglia del Conte – Capitolo 9 – Raccolto (2)

Cale teneva un sacco che era due volte più grande di quello di ieri mentre tornava in cima ai bassifondi. I due fratelli erano lì ad accoglierlo ancora una volta.

I bambini tennero la bocca chiusa mentre guardavano verso Cale. Cale sorrise tirando fuori due pacchettini e lanciandoli verso i bambini.

“Prendete.”

La ragazzina gli si avvicinò lentamente. Cale corrugò la fronte guardando la ragazza dai capelli argentei e crespi avvicinarsi. Aveva una mano sul fianco mentre zoppicava verso di lui.

“Ehi.”

Cale spinse i due pacchettini verso il ragazzino.

“Tu vieni qui e prendili.”

Il ragazzino gli corse incontro e agguantò i sacchettini prima di correre velocemente indietro. Rispetto ai capelli rosso accesi di Cale, il ragazzo aveva dei capelli crespi e di un rosso più scuro che ondeggiavano mentre correva.

Cale poi si volse e si diresse verso l’albero mangia-uomini.

“Wow.”

“Non è pane. Sono della carne e della torta.”

Poteva sentire i fratelli parlare del cibo, ma non gli interessava. Continuò a camminare verso il territorio dell’albero mangia-uomini.

Oooooooooooooong-

“…È un po’ spaventoso.”

L’albero nero senza nessuna foglia sembrava muovere i propri rami come per dare il benvenuto a Cale. Questa sensazione inquietante rese Cale nervoso, ma lui rovesciò comunque il contenuto del sacco dentro il buco al di sotto dell’albero.

Il pane sparì velocemente.

Fu in quel momento.

  • …Di più, dammene di più.

‘…Mi stai facendo impazzire.’

La risposta che aveva letto nel romanzo si mostrò. Era la voce di una debole ragazza. Sì, la persona che morì di fame era una sacerdotessa che serviva un dio. Tuttavia, a differenza delle sacerdotesse dei tempi o delle chiese di oggi, le antiche sacerdotesse erano sciamane. La maggior parte degli antichi sciamani potevano essere considerate persone che avevano superpoteri o forze naturali sotto il loro comando. Cale afferrò velocemente il sacco e iniziò a muoversi.

‘Cale, vieni nel mio studio questa sera.’

Quello era cosa suo padre, Deruth, aveva detto a Cale quando era andato a prendere l’assegno. Ecco perché doveva andarsene al massimo prima dell’arrivo della sera.

‘Metà.’

Oggi era venuto lì con l’intenzione di prendersi cura di metà dell’ingordigia dell’albero. Scese dalla collina per prendere altro pane. Vide i due fratelli guardarlo con della torta sulle labbra.

“Tsk.”

Cale si imbronciò e schioccò la lingua mentre passava oltre i due fratelli.

Cale poi camminò lungo la via che aveva un gran numero di panetterie. Aveva già spazzato via la scorta della panetteria in cui era stato ieri questa mattina, quindi avrebbe richiesto loro del tempo prima di rifornirsi. Ecco perché aveva bisogno di cercare un’altra panetteria. Fu in quel momento.

“S-Signorino.”

La voce di una donna fece voltare la testa a Cale. Una donna di mezza età sorrise imbarazzata mentre indicava il proprio negozio. Le sue mani stavano tremando ed era preda della paura, ma aveva ancora una certa confidenza.

“Abbiamo molto pane.”

Cale iniziò a sorridere. Ora, questa era una donna che sapeva come fare affari. Gli altri venditori stavano sbirciando verso di loro cercando di capire cosa stesse succedendo.

Cale le lanciò una moneta d’oro e la donna l’afferrò velocemente.

“Dammi tutto quello che hai. Impacchetta tutto subito.”

In quell’istante, il sorriso sul volto della donna di mezza età divenne più largo. Andò subito dentro il negoziò e ne uscì immediatamente con un largo sacco pieno di pane. Aveva già impacchettato tutto in anticipo.

“Ecco a lei, signorino.”

‘Wow. È davvero una buona mercante.’

Questa era una persona che sapeva come fare soldi.

“Posso prepararne un po’ di più.”

A Cale piacque questa donna ancora di più. Tuttavia, in quell’istante…

“Signorino! Noi possiamo fare ancora più pane di così!”

Un anziano all’altro lato della strada agitò la mano mentre si affrettava verso di loro. Stava indossando un uniforme da panettiere. A Cale piacque quell’uniforme e lanciò una moneta d’oro anche a lui.

“Dopo passerò dal tuo negozio. Prepara un sacco.”

“La ringrazio!”

Cale era stupefatto da questi venditori. Erano ancora spaventati da lui a causa della sua identità da nullità della famiglia del conte, ma non avevano nessun problema ad andare da lui per farsi qualche soldo facile. Era forse perché sapevano che Cale non picchiava nessuno che non fosse un delinquente, ma poté ancora vedere il motivo per cui il territorio degli Henituse stesse andando bene.

Il fatto che Cale avesse speso una moneta d’oro per comprare un sacco di pane ieri si era già diffuso a macchia d’olio. 1 milione di galloni. Gli altri trattennero il fiato al valore di una settimana di profitto mentre i loro occhi iniziavano a brillare.

‘Posso andare a questi tre posti domani per prendere il pane.’

Visto che aveva dato a ognuno di loro una moneta d’oro, doveva essere in grado di ottenere un altro sacco da loro domani. Cale era felice che le cose stessero procedendo senza intoppi.

Tuttavia, vi era qualcuno che lo stava osservando da lontano.

“Hmm.”

Era il cuoco, Beacrox. Così come il padre, aveva una fasciatura attorno al collo, e stava guardando Cale da dietro l’angolo. Aveva giusto visto Cale comprare il pane e delle erbe medicinali prima di tornare nei bassifondi.

“…È impazzito?”

Cale sembrava essere impazzito da ieri.

A Beacrox non era mai importato di Cale, anche quando suo padre aveva detto che Cale era un ragazzino interessante, ma, più lo osservava, più iniziava a concordare. Sembrava proprio che sarebbe stato divertente guardare Cale quanto osservare il punk dai capelli neri. Gli occhi di Beacrox iniziarono a brillare.

***

Billos, il proprietario del negozio di tè con la vista più alta, prese un sorso di tè mentre riceveva il rapporto del suo subordinato.

“Il signorino Cale sta facendo avanti e indietro dai bassifondi?”

“Sì, Billos-nim.”

“Capisco.”

“Abbiamo anche ricevuto una comunicazione dalla capitale.”

“È così?”

Gli occhi rotondi di Billos, difficili da vedere a causa del grasso, erano spalancati. Il subordinato sussultò per un momento prima di continuare il suo rapporto.

“Sì. È menzionato che la corona inizierà presto a radunare le persone. Ecco perché desiderano che Billos-nim ritorni e che ricominci a lavorare.”

Clank.

Billos appoggiò la tazza di tè sul tavolo mentre faceva cenno con il mento.

“Puoi uscire adesso.”

Il subordinato tornò velocemente nell’ombra e scomparve. Billos fissò il punto in cui il suo subordinato si trovava mentre un angolo della sua bocca si sollevava.

“Pensano che sarò il loro cagnolino e che guarderò di nuovo la casa?”

Il suo sguardo si diresse fuori dalla finestra. Sembrava quasi che il suo sguardo potesse raggiungere la lontana capitale.

***

“Questo… questo non è pane. Non è pane.”

“E?”

Vedendo la ragazzina borbottare ‘non è pane’ ripetutamente mentre teneva le erbe medicinali tra le mani, Cale sbuffò e si diresse di nuovo verso l’albero mangia-uomini. Tuttavia, il ragazzino gli si mise in mezzo.

“Non puoi morire.”

Adesso era il ragazzino a dire che non poteva morire. Cale non si imbronciò nemmeno e camminò oltre il ragazzino.

Cale, no, Kim Rok Soo.

Era un orfano e non aveva niente. Ecco perché vi erano molte persone che mostravano compassione al povero Kim Rok Soo.

‘C’è un motivo per mostrare compassione ai bisognosi?’

Quello era qualcosa che aveva sempre sentito quando era più giovane.

‘Giovane mendicante.’

‘Povero orfano.’

‘Non hai bisogno di un motivo per mostrare compassione.’

Vi era un tempo in cui accettava la cosa com’era, senza farsi domande; ma crescendo aveva iniziato a capirne il vero significato.

Non vi era una ragione logica per le cose che il cuore ti portava a fare. Non avevi bisogno di un motivo.

“Così irritante.”

Cale odiava vedere i bambini essere feriti. Tuttavia, non aveva nessuna intenzione di prendersi cura della ragazzina né di consolarla. Si imbronciò alla vista della ragazzina che stava zoppicando verso di lui e del ragazzino accanto a lei, mentre rispondeva loro.

“Non morirò.”

I fratelli smisero finalmente di seguirlo una volta che disse ciò. Cale era scontento al pensiero di aver fatto la cosa che odiava di più in assoluto. Lui odiava le persone che si immischiavano negli affari degli altri senza che venisse loro chiesto, ma lo aveva appena fatto dando alla ragazzina le erbe medicinali.

Oooooooooooong.

  • Di più, dammene di più.

“Sì. Mangia tutto.”

Cale gettò l’intero sacco nell’albero mangia-uomini senza interessarsi su dove cadesse. Non aveva paura. Il pane sparì istantaneamente nell’oscurità che era ora troppo chiara per essere chiamata oscurità. Cale poteva adesso vedere una nuova luce grigiastra. Tuttavia, gli sembrava solo grigia.

‘Immagino mi stia ripagando per i soldi che ho speso.’

Cale versò anche l’altro sacco di pane nel buco e tornò a casa. Non vedeva più i fratelli, ma per Cale quello era meglio.

Tuttavia, vide i due gattini in difficoltà lungo la via del ritorno a casa e trasalì.

‘Sono i gatti di ieri. Non dovrebbero ricordarsi di me, giusto?’

Pelliccia argentea e occhi dorati, pelliccia di un rosso scuro e occhi dorati. I due gatti non miagolarono nemmeno mentre fissavano Cale. Cale non voleva causare una scenata, e guardò altrove mentre si dirigeva a casa.

***

Sentì poi qualcosa da suo padre che quasi lo fece svenire.

“…Potreste ripeterlo ancora una volta?”

“Sì. Cale.”

Anche Basen era in piedi accanto a Cale. La storia della famiglia Henituse che non era menzionata nel romanzo stava prendendo luogo di fronte agli occhi di Cale.

“Dovrai andare alla capitale come rappresentante della nostra famiglia.”

Cale sentì arrivare un mal di testa.

“Inizialmente doveva andarci Basen. Tuttavia, tu sei il primogenito della nostra famiglia.”

Cale aprì e chiuse ripetutamente la bocca mentre guardava conte Deruth lì seduto con un sorriso gentile. Andare a visitare la corona in un tempo come quello. Cale stava velocemente pensando ai contenuti de [La Nascita di un Eroe] mentre Deruth continuava a parlare.

“La corona sta organizzando un grande evento e le famiglie nobili di ogni territorio sono state invitate a riunirsi. Sarà la prima volta che visiterai la corona, ma Basen è andato ad attività simili negli ultimi due anni. Tuttavia, speravo che ci andassi tu per questa volta.”

Un grande evento organizzato dalla corona. Quello fece pensare a Cale a un singolo incidente.

L’incidente terroristico della piazza.

Un’organizzazione segreta commette un atto terroristico quando molti dei cittadini della capitale sono riuniti in un unico posto. Il nostro eroe, Choi Han, è colui che riesce a fermare circa metà del loro piano. Quella sarebbe stata la quarta volta che Choi Han e l’organizzazione segreta sarebbero entrati in contatto.

Di conseguenza, Choi Han riesce a salvare molti cittadini che si trovavano in piazza e ad avere una connessione con il principe ereditario. Loro poi sviluppano velocemente un’amicizia reciproca.

Cale ebbe improvvisamente i brividi.

Visto che il romanzo descriveva l’evento dal punto di vista di Choi Han, non aveva parlato molto della riunione dei nobili. Tutto quello che menzionava era che Choi Han guadagna dei compagni di viaggio prima e dopo l’incidente, così come il supporto del principe ereditario.

Ma doveva andare sul luogo dell’attacco terroristico?

Ovviamente, non sapeva se i nobili si sarebbero riuniti anche nella piazza. Cale iniziò a ripensare alle informazioni in [La Nascita di un Eroe].

[Centinaia di persone si erano radunate nella piazza. La piattaforma era ancora vuota. Era per la famiglia reale che sarebbe presto arrivata. Choi Han poteva vedere alcune persone che parevano ricoprire posizioni importanti. Tuttavia, ancora più importante per Choi Han era il fatto che molti cittadini – giovani, anziani, maschi, femmine – erano radunati qui. Il cuore di Choi Han iniziò a battere più velocemente.

Non voleva vedere un gruppo di persone innocenti morire mai più.]

Potevano ‘le persone che sembravano ricoprire posizioni importanti’ includere i nobili?

Cale si volse a osservare Basen anche mentre suo padre stava continuando a parlare. Basen se ne stava lì, stoicamente, a guardare il padre senza dare a Cale una singola occhiata.

‘Deruth ha detto che Basen solitamente va a questo genere di evento. Dovrei dirgli di andare?’

La bocca di Cale continuò ripetutamente ad aprirsi e chiudersi. Non voleva andare in un posto pericoloso. Tuttavia, non riusciva a dire il nome di Basen.

Una relazione che non era né buona né cattiva. Quella era la relazione tra il Cale originale e Basen. Basen trovava Cale difficile, ma era solo quello.

La mente di Cale iniziò ad essere complicata. Cale sarebbe andato, nella storia? Non vi era modo che Deruth mandasse la nullità alla capitale. Allora perché stava cercando di mandarlo? Cale si stava chiedendo se avesse fatto qualcosa di sbagliato per far sì che ciò succedesse.

“Partirai tra cinque giorni.”

Cinque giorni dopo. Sentendo Deruth dirlo, Cale seppe che il Cale nel romanzo non era andato alla capitale.

Nel romanzo, le aveva prese di santa ragione da Choi Han quattro giorni dopo e trasportato poi nella tenuta del conte. Non vi era modo che potesse andare alla capitale in quelle condizioni.

“Cale. Prima che Basen iniziasse a farlo, tu partecipavi a tutte queste cerimonie. Pensa a quelle volte e fai buon viaggio.”

“Padre.”

Deruth guardo verso Cale, che lo aveva chiamato. Anche Basen si voltò a osservare il fratello maggiore.

“Sono un po’ in apprensione a causa di questo sviluppo inatteso. Non sono andato a nessuno di questi da ben due anni. Non comprendo il motivo per cui dovrei improvvisamente andarci. Per favore, mi ci faccia pensare.”

Deruth fu d’accordo e disse ai suoi due figli che potevano andare. I fratelli lasciarono velocemente lo studio. Cale era impegnato a pensare a diverse cose. Se Cale avesse fatto una scenata, Deruth avrebbe probabilmente mandato Basen, ma quello gli avrebbe lasciato un sapore amaro in bocca.

Fu in quel momento.

“Hyung-nim.”*

Cale sentì la voce del fratello minore, Basen. Cale volse la testa. Vide Basen camminare stoicamente ancora senza guardarlo. Il quindicenne Basen parlava sempre così, senza mai incrociare lo sguardo.

“Hyung-nim, non vi è nessun motivo per cui voi non possiate andarci.”

Sigh. Cale sospirò.

Basen non guardò nemmeno Cale mentre lasciava lo studio e si dirigeva verso la propria stanza. Cale fissò Basen a lungo.

“…Non doveva andare così.”

Cale era stato buttato fuori dal posto di successore. Cale non poteva smettere di comportarsi come una nullità anche quando il fratello minore agiva sotto ogni aspetto come il successore della famiglia da due anni. Lui era la barzelletta della famiglia.

Ecco perché vi erano molte ragioni per cui non doveva andare alla convocazione della corona come il rappresentante della famiglia. Tuttavia, Basen stava dicendo che non vi erano ragioni per non andare all’evento.

Basen stava dicendo che vi erano abbastanza ragioni per Cale per andare come il rappresentante della famiglia.

‘Così le cose diventeranno complicate.’

Cale iniziò a imbronciarsi. Non gli piaceva come le cose stavano andando. Ma l’altro problema…

‘Vale la pena provarci.’

Pensò che valesse la pena provare a superare gli eventi che stavano per avvenire.

La ragione era che le probabilità per Cale di tornare senza morire o essere ferito erano parecchio alte.

‘Sarebbe complicato per me se Basen morisse senza essere in grado di assumere la posizione di conte.’

Affinché Cale potesse condurre una vita tranquilla, Basen doveva sopravvivere. C’era anche la loro sorella più piccola, Lily, ma era troppo giovane. Per di più, Cale doveva andarsene dalla città di Western dopo aver ottenuto il potere antico localizzato all’albero mangia-uomini per poter guadagnare gli altri poteri antichi che si trovavano fuori dal territorio degli Henituse.

La bilancia all’interno della mente di Cale cominciò a inclinarsi.

Iniziò a fissare il vice-maggiordomo Hans che si stava dirigendo verso di lui. L’espressione di Hans era concentrata, ma non cupa. Sembrava essere un po’ amareggiato, ma i suoi occhi erano limpidi.

“Signorino, la richiesta che il vostro ospite ha solleva-”

“Hans.”

Cale lo interruppe mentre stava per dire qualcos’altro.

“Porta qua quell’ospite.”

“Mi scusi?”

Cale non sarebbe stato sballottolato in giro. Se doveva proprio muoversi, poteva farlo in un modo che gli fosse il più confortevole possibile e in un modo che gli fosse anche il più vantaggioso possibile.

“Ah, se non volesse venire digli questo.”

Basandosi sull’espressione di Hans, Cale era certo che la questione di Choi Han era stata risolta a dovere. Nel romanzo, conte Deruth aveva tenuto un funerale adeguato agli abitanti del villaggio e si era preso cura di tutto anche dopo che Choi Han le aveva date di santa ragione a Cale. Quello non doveva essere cambiato.

“Pagamento.”

“Mi perdoni?”

“Digli di venire perché un modo per ripagarmi è apparso.”

 

*Hyung significa fratello maggiore in coreano ed è usato dai ragazzi.

Il “-nim” viene usato per mostrare rispetto verso una persona; è più rispettoso e cortese di “-ssi”.

 

<< Previous Chapter | Index | Next Chapter >>

Bookmark(0)

No account yet? Register

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *