La Nullità della Famiglia del Conte – Capitolo 5 – Si sono incontrati (2)

‘Viene cacciato via dal portone la mattina presto.’

Choi Han si era diretto nella direzione che ricordava di aver sentito dagli abitanti del villaggio, subito dopo aver finito di seppellire tutti i suoi amati abitanti. Era diretto verso la città di Western.

Choi Han era stato trasportato in questo mondo quando era al primo anno di liceo, ma già aveva vissuto qui per decine di anni. Ovviamente, il fatto che avesse speso la maggior parte di quella vita a provare a sopravvivere nella Foresta dell’Oscurità lo aveva reso maturo in un senso leggermente contorto e, come tale, era più razionale di quanto qualcuno si potesse aspettare dopo un simile incidente.

‘Devo informare il feudatario al castello.’

Il villaggio di Harris poteva anche essere stato un villaggio remoto, ma era sempre sotto la giurisdizione del conte Henituse. Ecco perché Choi Han si era diretto verso la città di Western, sperando di poter almeno preparare un piccolo funerale per gli abitanti del villaggio.

Aveva anche intenzione di cercare qualche informazione sugli assassini che aveva ucciso quando aveva perso la calma, in quanto non era stato in grado di porre loro nessuna domanda. Tuttavia, salutare i morti in modo appropriato veniva prima della vendetta.

‘Se ci pensi, è davvero una persona affettuosa.’

Ma perdere tutte in una volta le persone, che per prime gli avevano mostrato amore dopo decine di anni nella Foresta dell’Oscurità, aveva impedito alla mente di Choi Han di non diventare instabile. Nel romanzo, è stato quello il momento in cui Cale aveva irritato Choi Han e toccato un nervo scoperto. Si ricordò di cosa il Cale nel romanzo aveva detto a Choi Han.

[“Perché a mio padre dovrebbe interessare se qualche inutile abitante è morto? Questo bicchiere di alcol che ho in mano vale più di tutte le vostre inutili vite messe insieme.”]

Choi Han aveva iniziato a ridere alle parole di Cale chiedendo.

[“Che pensiero interessante. Sono proprio curioso di sapere se cambierai idea o meno.”]

[‘E se provassimo?’]

Quella prova consisteva nel darle di santa ragione a Cale fino a quando non era quasi morto. La cosa stupefacente era che Cale non aveva cambiato idea neanche dopo essere stato picchiato.

“Ah, ho i brividi.”

Cale si sfregò il braccio dopo aver visto la pelle d’oca che si stava formando. Prese velocemente un sorso del tè che Billos gli aveva portato. Poi guardò ancora una volta fuori dalla finestra, solo per avere nuovamente i brividi.

‘È quel teppistello.’*

Nel momento in cui il portone fu aperto, un giovane che indossava abiti cosparsi di chiazze nere, tali da far credere che i vestiti fossero bruciati in vari punti, si avvicinò al portone. Era Choi Han.

Cale non si alzò dalla sua sedia mentre osservava Choi Han.

La sua velocità era ammirevole, visto che aveva corso come un folle per una distanza che avrebbe normalmente richiesto a una carrozza una settimana di viaggio; ma, di conseguenza, era un disastro. Ovviamente, gli eventi nel villaggio erano in parte un po’ responsabili per il suo aspetto disastroso.

La guardia bloccò la strada a Choi Han il quale stava camminando a testa bassa, completamente esausto. Cale non sapeva di cosa stessero parlando, ma poté vedere Choi Han scuotere la testa alla domanda della guardia.

‘Sono sicuro che gli stanno chiedendo se ha un qualche documento di identificazione.’

Le guardie della città di Western erano solitamente gentili, ma erano rigorosi quando si trattava delle regole. Replicavano la personalità del loro signore feudale, conte Deruth.

“L’hanno cacciato.”

Come previsto, Choi Han si allontanò dal portone. Non aveva neanche perso le staffe. Dopo aver corso continuamente per un giorno, la sua leggermente recuperata coscienza gli aveva detto di non uccidere un uomo innocente.

‘Choi Han adesso aspetterà la notte per saltare di nascosto le mura della città ed entrare.’

Poi si imbatte in Cale che era impegnato ad annegarsi nell’alcol.

Screech. Poiché Cale era da solo, il suono della sedia che veniva spinta mentre si stava alzando sembrava abbastanza rumoroso. Scese di sotto e informò Billos che era al bancone.

“Tornerò presto. Non liberare il mio posto.”

“Sì, signorino. Attendo con ansia il suo ritorno.”

Cale ignorò il sorriso sul volto paffuto di Billos mentre usciva dal negozio di tè.

“Non ha rotto niente!”

Cale poté sentire la voce di qualcuno provenire dall’interno del negozio, ma non gli interessava. Aveva bisogno di gettare le basi per guadagnare lo Scudo Indistruttibile oggi.

Lo Scudo Indistruttibile.

Non si tratta di un oggetto fisico. Il miglior paragone sarebbe lo scudo di mana di un mago. Qualcosa che in realtà non ha una forma fisica. Tuttavia, era molto diverso da uno scudo di mana, visto che era più vicino a un superpotere che alla magia.

La cosa divertente era che l’umano che aveva creato quel potere, poi morto, era qualcuno che serviva un dio ma aveva finito coll’essere scomunicato.

‘In questo romanzo c’è ogni tipo di cosa strana.’

Come la storia di ogni mondo fantasy, questo mondo aveva la propria storia antica. Durante i tempi antichi, né la magia né le armi erano sviluppate.

Invece, era una società in cui il tuo stesso talento innato o talenti raccolti grazie ad avvenimenti soprannaturali giocavano un ruolo cruciale. I poteri più forti in quella società erano i superpoteri, i poteri divini e le forze naturali. Era un periodo rudimentale.

Alcuni di questi poteri sono durati fino ad ora, nascosti in determinati luoghi od oggetti. Era possibile prendere per se stessi quei poteri se soddisfatte le giuste condizioni.

Poteri antichi.

Gli eroi avrebbero trovato questi poteri; tuttavia questi poteri erano tutti poteri di supporto, non forti abbastanza da essere usati come pilastro di un eroe.

Questi erano i poteri che Cale aveva intenzione di trovare.

‘Tutti tranne i poteri divini.’

Che fossero dio o angeli o diavoli, Cale non aveva intenzione di essere coinvolto con nessuno di loro.

Ecco perché Cale stava cercando i poteri che le persone sviluppavano naturalmente o che provenivano dalla natura.

‘Questo è il modo per assicurarmi di non metterci nessun impegno.’

C’erano due tipi di potere che stava cercando. Qualcosa come l’arte della spada o la magia gli avrebbero richiesto di impegnarsi nella pratica. Non voleva fare qualcosa come quello.

A differenza di altri libri, la civiltà antica nel romanzo [La Nascita di un Eroe] non era così forte.

Con lo svilupparsi della civiltà, la magia e abilità di invocazione** che erano avanzate misero in ombra i poteri naturali lasciati indietro dalla civiltà antica. Per i superpoteri era la stessa cosa. Molti superpoteri discreti verrebbero spazzati via da un singolo colpo di “Aura” che era usata oggigiorno.

Non era che gli eroi usassero questi poteri con moderazione senza motivo.

‘E il mio obiettivo è di raccogliere questi superpoteri discreti per diventare decentemente forte.’

Era un obiettivo soddisfacente. Specialmente perché lui conosceva il potere antico che poteva rafforzare questi superpoteri discreti.

Affinché potesse fare il primo passo nel proprio piano, Cale iniziò a cercare il potere antico nascosto nella città di Western. Lui sapeva i requisiti per ottenere quel potere.

“Si-Signorino. Benvenuto.”

Cale annuì semplicemente con la testa per rispondere al panettiere, il quale si stava inchinando così in basso che sembrava quasi che la sua testa potesse toccare terra. Gasp. Poteva sentire il panettiere trattenere il fiato, ma Cale fece finta di non sentirlo. Si sentiva in colpa su come la sua reputazione di rifiuto umano stesse rendendo questo panettiere così spaventato.

“Dammi del pane.”

“Mi scusi?”

Cale indicò tutto il pane nella panetteria e rispose severamente.

“Tutto da qui a lì.”

Clang. La moneta d’oro che Cale tirò fuori iniziò a ruotare sul bancone.

“Imballa tutto.”

Il panettiere sembrò immobilizzato sul posto mentre Cale continuava a parlare.

“Due o tre monete d’oro in più dovrebbero essere abbastanza per un intera settimana di pane, giusto?”

Lo sguardo del panettiere, che era sulla moneta d’oro, si spostò su Cale. Era troppo denaro per il pane. Cale rispose stoicamente agli occhi tremanti del panettiere.

“Posso andare da un’altra parte se non vuoi.”

“No, non è niente del genere! Signorino! Impacchetterò il tutto il più velocemente possibile!”

Il panettiere era estremamente rispettoso per una ragione differente rispetto a prima mentre si muoveva attorno in modo rapido. Dopo pochi minuti, Cale lasciò la panetteria con un sacco di pane sulla spalla.

Anche se era solo pane, pesava un bel po’. Il peso fece imbronciare Cale e ignorò il panettiere che lo stava osservando andarsene mentre metteva piede in strada.

Cale camminò per la strada senza fretta, notando che chiunque incrociasse lo sguardo con lui si voltava velocemente per poi andarsene. La maggior parte delle persone correva anche via per non incrociare lo sguardo con lui.

‘È davvero diverso dalla Corea. È davvero un mondo fantasy.’

Cale si guardò intorno mentre gironzolava per il mercato che emanava la tipica sensazione fantasy.

“Mm.”

“Mmph.”

Ogni volta che incrociava lo sguardo con un mercante, questi sembrava scioccato ed evitava il suo sguardo. Tsk tsk. Cale deve proprio essere stato all’altezza del suo titolo di nullità. Cale sparlò di se stesso mentre superava il mercato e andava verso la parte occidentale della città di Western.

I bassifondi erano localizzati ad ovest. Non importa quanto ricco un territorio fosse, ci sarebbero sempre state delle persone povere. In una situazione come questa, molte persone probabilmente si aspetterebbero che accadesse qualcosa del tipo.

‘Ah, è un incontro fortuito che puoi guadagnarti condividendo il cibo con i poveri.’

Sfortunatamente, quello non era il caso.

Cale poteva percepire le persone sbirciare verso di lui non appena era entrato nei bassifondi. Questo era un posto dove sia le persone più indolenti che quelle più violente vivevano insieme.

Benché i poveri potessero non conoscere il volto del proprio signore feudale, il conte, loro riconoscevano la faccia di Cale. Queste persone che non avevano niente dovevano porre maggiore attenzione al tipo di persona che poteva creare confusione al mercato, pub, piazza, be’, quello che volevi, e Cale aveva probabilmente causato trambusto anche qui.

“Tsk.”

Anche se conoscevano tutte queste storie su Cale, non potevano resistere al dolce odore del pane nel suo sacco. Cale ignorò semplicemente quegli sguardi mentre continuava a camminare.

La punta della sua costosa scarpa di pelle iniziò a diventare sudicia a causa dell’acqua sporca. Un fetore sconosciuto iniziò a penetrare il naso di Cale, facendolo ovviamente imbronciare.

Questo lo fece iniziare a camminare più velocemente. I bassifondi erano su un lato di una piccola collina e costituiti da vecchie case. Cale si diresse verso la cima di quella collina. Man a mano che si avvicinava, lo sguardo e i passi delle persone che lo stavano seguendo iniziarono a diminuire a loro volta. Lo sguardo tagliente di Cale aveva probabilmente avuto un ruolo anche in ciò.

‘È meglio qui.’

Dopo essersi liberato dal fetore, Cale si trovava in cima alla collina e si voltò per guardare dall’alto la città di Western. Ovviamente, questa collina non era alta quanto la tenuta del conte. Non vi era modo che permettessero al signore del territorio di vivere in un posto che si trovava più in basso dei bassifondi.

Cale tornò ai propri sensi mentre si diresse verso un albero che era separato in ogni direzione da una recinzione. La recinzione, fatta da assi larghe quanto il corpo di Cale, aveva un’entrata che era marcita. Fu facilmente rotta una volta che Cale spinse la recinzione.

Quest’albero enorme sembrava essere sopravvissuto per centinaia di anni. Gli alberi nei bassifondi erano solitamente tagliati in legna da ardere o i suoi strati venivano staccati per renderlo inutile, ma quest’albero non era così.

La ragione era semplice. La ragione poteva essere sentita dall’orecchio di Cale. Questi due erano gli unici due che lo avevano seguito fino alla fine dai bassifondi.

“Non puoi avvicinarti a quell’a-albero!”

Cale ignorò l’avvertimento. Sentì anche un’altra voce preoccupata.

“Non puoi andare lì! È un albero mangia-uomini!”***

Un albero mangia-uomini. Chiunque si impiccasse su quest’albero diventava una mummia nel giro di una notte. Per di più, tutto il sangue che cadeva su quest’albero spariva istantaneamente.

Infine, c’era solo sporcizia intorno a quest’albero. L’erba, e anche le erbacce, non si trovava da nessuna parte.

Quello era l’albero che Cale stava cercando.

Molto tempo prima, durante i tempi antichi, vi era una persona che amava così tanto il cibo che la sua ingordigia, al posto della devozione, la fece cacciare. Quella persona finì col morire di fame.

Si diceva che quest’albero fosse cresciuto sul suo corpo e che il rancore e la forza di questa persona fossero entrambe in questo albero. Lo Scudo Indistruttibile che Cale stava cercando era qui.

Com’era arcaico, misterioso e strano! La maggior parte dei poteri antichi erano misteriosi come questo.

Cale prese del pane dal sacco e osservò con attenzione il buco che era delle dimensioni della testa di un adulto. Doveva mandar via il proprietario della voce prima di iniziare il proprio lavoro. Tuttavia, prima che Cale potesse anche solo dire qualcosa, la voce divenne ancora più alta di prima perché non potevano più vedere Cale da fuori la staccionata in quanto lui si era accovacciato. La voce stava tremando un bel po’.

“Morirai! Non farlo!”

Cale si schiacciò le tempie con le dita.

“Sigh.”

Il numero di persone che lo avevano seguito era diminuito a mano a mano che si avvicinava all’albero mangia-uomini in cima alla collina; tuttavia, il proprietario di quella voce continuava a seguirlo.

‘Ci saranno sempre dei teppistelli rumorosi ovunque tu vada.’

Cale aggrottò la fronte mentre voltava la testa. Quando lo fece, si accorse di una bambina che sembrava avere circa 10 anni che teneva la mano del fratellino mentre lo fissava. I suoi occhi erano pieni di preoccupazione.

Vedendo che Cale era imbronciato e che la stava fissando, la giovane ragazza incespicò sulle sue parole e iniziò a mormorare.

“È un albero mangia-uomini. M-Morirai.”

“Non morirò.”

Cale tirò fuori due pagnotte dal sacco e le tirò verso la ragazzina. Non importava che cadessero a terra in quanto erano individualmente impacchettati.

“Prendilo e vattene.”

Il ragazzino afferrò subito la pagnotta, ma la ragazzina stava ancora esitando. Alla fine, Cale dovette usare la propria identità. Si alzò in piedi e sollevò la testa fuori dalla recinzione.

“Voi due non conoscete Cale la nullità?”

La faccia della ragazzina impallidì. Il fratellino guardò verso Cale prima di prendere anche l’altra pagnotta per sua sorella e iniziò a tirarla per il braccio.

“Noona.”

“Uh uh.”

La ragazzina guardò prima l’albero e poi Cale anche mentre veniva tirata via.

“Non puoi morire.”

Cale schioccò la lingua alla ragazzina che continuava a ripeterglielo, prima di accertarsi che nessun altro fosse intorno e di sedette sotto l’albero. Nessuno sarebbe stato in grado di vedere cosa stava per fare a meno che non fossero venuti direttamente alla recinzione.

“Iniziamo.”

Iniziò tirando fuori una pagnotta di pane dal sacco e mettendola nel buco. La sua mano sparì presto nell’oscurità sotto l’albero e Cale poté percepire una sensazione gelida mentre il pane spariva dalla sua mano.

Sentì come se la sua intera mano potesse essere risucchiata, e la tirò via velocemente.

L’oscurità nel buco sotto l’albero era ancora la stessa.

“Se muori con del rancore, devi risolvere quel rancore.”

Quest’albero mangia-uomini non era davvero un albero mangia-uomini. Era un albero che poteva mangiare di tutto. Era l’effetto collaterale del potere che era stato lasciato dietro dalla persona che era morta di fame. Ma per una cosa simile essere collegata una forza antica… era comico, ma lo rendeva più realistico.

‘Ricordo che diceva che dovevo dargli da mangiare fino a quando l’oscurità non sarebbe scomparsa.’

L’oscurità nel buco sotto l’albero non era il risultato dell’ombra. Era l’oscurità formata dal rancore.

Ciò non poteva essere fatto con altre persone. Una persona doveva continuamente provvedere a una quantità enorme di cibo fino a quando l’oscurità non sarebbe sparita. Una volta scomparsa, la luce che si stava nascondendo al di sotto sarebbe apparsa.

Una volta mangiata la luce, lo Scudo Indistruttibile sarebbe diventato di Cale.

“Mangia quanto vuoi.”

Cale mise l’orlo del sacco nel buco e svuotò tutto il pane al suo interno. In una situazione normale, il piccolo buco si sarebbe riempito di pane; tuttavia, solo l’oscurità continuò a rimanere una volta che Cale rimosse il sacco.

“Presumo che avrò bisogno più o meno di altri dieci sacchi grandi.”

L’oscurità nel buco era leggermente più tenue di prima.

Dieci sacchi. Solo qualcuno come Cale, con 3 milioni di galloni come paghetta, poteva dire con noncuranza una cosa simile.

Brontolio-

Uno strano brontolio sembrò risuonare dall’albero. Sembrava che dicesse che era ancora affamato e che chiedesse altro cibo. Cale ebbe la sensazione che l’oscurità potesse improvvisamente allungarsi e afferrarlo.

“…Fa un po’ paura.”

Cale si alzò velocemente. Aveva come la sensazione che non sarebbe dovuto tornare per un lungo periodo.

“Cosa potrà mai fare uno stupido rancore?”

L’ingordigia era una cosa spaventosa.

Cale salutò l’albero brontolante come se fosse una persona e uscì dall’area recintata. Cale notò i fratelli mangiare il pane non appena entrato nei bassifondi.

Per qualcuno che pretendeva che non doveva andare lì perché c’era un albero mangia-uomini, sembrava che si stessero godendo il pane. Dovevano apprezzarne il sapore, perché entrambi sembravano felici.

“Ma dai.”

Cale sbuffò verso i fratelli prima di ignorare i loro sguardi. Tuttavia, i loro sguardi non erano su di lui ma sul sacco che prima era pieno di pane ma che adesso era vuoto. Probabilmente erano curiosi.

Ma cosa potevano fare? Non potevano fare niente.

Questi bambini erano probabilmente troppo spaventati anche solo per andare vicino all’albero mangia-uomini. Tuttavia, era sempre meglio essere sicuri. Sarebbe stato pericoloso se fossero andati all’albero per mettere la testa nel buco ed essere divorati.

[I bambini dei bassifondi non avevano paure. Questo perché consideravano più importante un singolo chicco di riso che una spada che puntava verso di loro. La morte era sempre intorno a loro, quindi non avevano paura di morire. Avevano più paura di essere affamati che della morte stessa.]

Era qualcosa scritto in [La Nascita di un Eroe].

Ecco perché Cale decise di parlare alla coppia di fratelli.

“Se volete mangiare ancora altro pane domani, non dite una parola.”

I due fratelli non dissero niente. Stavano già eseguendo l’ordine di Cale. La ragazzina, che prima sembrava esitante, mise una mano sulla bocca del fratello e fece finta di non vedere Cale. Cale sorrise e pensò che fosse abbastanza intelligente, mentre lasciava velocemente i bassifondi.

Le persone dei bassifondi, che sapevano che Cale era stato in cima alla collina, lo stavano fissando chiedendosi che pazzia stesse combinando adesso, ma a Cale piaceva quel genere di sguardo.

Anche le persone fuori dai bassifondi guardavano Cale in modo strano, ma a Cale non interessavano quegli sguardi.

“Ah, signorino. Siete tornato.”

Una volta che Cale fu tornato al negozio di tè, Billos lo accolse piuttosto felice.

“Sì. Portami una nuova tazza di tè. Uno rinfrescante stavolta.”

Cale si diresse verso il suo posto al terzo piano. A quest’ora doveva essere abbastanza affollato, ma non vi era nessuno. Stavano tutti evitando la nullità della famiglia del conte. Ecco perché Cale poteva rilassarsi.

“Ecco il suo tè, signorino. Ho portato anche qualche dolce.”

“Ah, ottimo. Grazie.”

Cale continuò solo a guardare verso il portone della città mentre prendeva un sorso di tè. Billos osservò la faccia di Cale con una strana espressione prima di andarsene silenziosamente dal terzo piano. Era strano sentire Cale ringraziare qualcuno.

Cale continuò a ordinare tè e dolcetti mentre guardava fuori dalla finestra, fino a quando il cielo non divenne lentamente arancione e il sole tramontò. Si alzò solo quando la notte era arrivata ed era buio fuori.

Era ora arrivato il momento di interagire con il tipo pericoloso che sarebbe giunto da fuori le mura.

 

*Il termine inglese usato è “punk”. Ero indecisa se lasciare proprio punk (visto che si dice anche in italiano) o sostituirlo con termini quali teppista o delinquente. Alla fine ho optato per “teppistello”, ma se avete qualche altro suggerimento o preferenza non fatevi problemi a propormelo!

**“abilità di invocazione” in inglese è “summoning skills”. Anche qui, se avete suggerimenti, sono ben accetti!

***In inglese è “man-eating tree”, ossia “albero mangia-uomo” ma non mi suonava benissimo quindi ho optato per “albero mangia-uomini”.

<< Previous Chapter | Index | Next Chapter >>

Bookmark(0)

No account yet? Register

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *