La Nullità della Famiglia del Conte – Capitolo 48 – In qualche modo (6)

Una settimana dopo, Cale scese dalla carrozza. La carrozza aveva lo stemma della tartaruga dorata degli Henituse.

  • È passato un po’ di tempo.

Cale fu d’accordo con quello che il drago nero aveva detto nella sua mente.

Cale si trovava al momento nella Piazza della Gloria. Un’enorme staccionata si trovava intorno alla parte settentrionale della piazza che era stata distrutta dall’esplosione.

Cale andò avanti, guardando solo verso il proprio posto. La brigata cavalleresca della famiglia Henituse, guidata dal vicecapitano, avanzò con Cale al centro della loro formazione in modo da proteggerlo.

Camminando, Cale sentì qualcuno dire qualcosa che gli fece venire i brividi.

“Oh, il signorino dalla luce argentea!”*

Cale iniziò immediatamente a corrucciarsi.

“Ahem, ahem.”

Cale vide il sorrisetto sul volto del vicecapitano mentre questi si schiariva la voce, e iniziò a imbronciarsi ancora di più. Il vicecapitano si piegò leggermente verso Cale per sussurrargli all’orecchio.

“Signorino, presumo che adesso la chiamino ‘signorino dalla luce argentea’. Ahem, persone incredibili come lei sono destinate ad avere dei soprannomi fantastici.

‘Merda.’

Cale tenne quella parola volgare per sé.

Signorino dalla luce argentea, signorino dello scudo… non voleva sentire niente di così imbarazzante e dozzinale. Tuttavia, Cale sapeva che le cose sarebbero potute andare peggio senza l’aiuto del Principe ereditario, che aveva fermato i pettegolezzi, e quindi non poteva dire niente a riguardo.

Tutto quello che poteva fare era parlare con voce stoica al vicecapitano, che si stava stringendo nelle spalle.

“Sono sicuro che la smetterebbero se bevessi e mi comportassi come al solito, no?”

“Ahem, ahem!”

Il vicecapitano non poteva dire niente e così distolse lo sguardo. Quello fece sorridere Cale, ma quel sorriso sparì immediatamente. Era a causa di quello che il vicecapitano disse.

“Sono dell’opinione che sia meglio evitare l’alcol, visto che è ancora in convalescenza.”

Ufficialmente, Cale si stava ancora riprendendo e non era al 100%.

La storia ufficiale diceva che era ferito perché aveva usato il suo potere antico oltre i limiti prestabiliti per poter proteggere la folla, dando vita al miracolo che aveva prevenuto l’esplosione.

Quella storia miracolosa era stata ideata ovviamente dal Principe ereditario. Ecco perché lo staff della residenza Henituse era impegnata a proteggere Cale, in convalescenza.

Non era solo lo staff della capitale. Cale pensò a suo padre, conte Deruth, che aveva intenzione di venire fino alla capitale giusto qualche giorno prima. Ecco cosa Deruth aveva detto per via della comunicazione video.

  • Cale, hai visto le facce di quei bastardi? Tuo padre li ucciderà tutti per te. Come si osano fare una cosa simile a una persona che non riesce nemmeno a brandire una spada!

Anche se Deruth sapeva che Cale aveva guadagnato un potere antico, il fatto che la sorella minore di Cale fosse più abile di lui a brandire una spada aveva fatto pensare al conte che Cale fosse debole.

  • Il motivo per cui la famiglia Henituse non agisce non è perché siamo deboli. Ricordati questo, Cale. Non siamo intervenuti fino a questo momento perché siamo forti. Nessuno dovrà permettersi di farti una cosa simile in futuro.

Ecco cosa la contessa Violan aveva detto cercando di calmare conte Deruth. Ma quella doveva essere la verità, visto che nessun nobile aveva mandato lettere o cercato Cale una volta che aveva lasciato il palazzo ed era tornato alla propria residenza. Anche Eric e gli altri non si erano fatti vivi.

‘Questo ha reso le cose più semplici.’

Cale aveva usato quel tempo libero in modo molto efficiente. Cale, guardando avanti mentre camminava, vide il cavaliere e il soldato di guardia all’entrata.

“Ah, signorino Cale.”

“Hai bisogno di verificare la mia identità?”

Il cavaliere scosse la testa alla sua domanda e aprì con rispetto l’entrata. Cale doveva proseguire da solo da qui in poi. Le persone a cui era permesso entrate questa volta erano decisamente meno rispetto alla celebrazione di compleanno, ma Cale era un’eccezione.

“Signorino Cale-nim entri, la prego.”

“Ottimo, grazie. Continua a lavorare sodo.”

“…Sissignore!”

Cale pensò che quel cavaliere stesse lavorando troppo, così gli diede qualche pacca sulla spalla mentre questi si inchinava e gli rispondeva con vigore. Poi entrò dentro, non sapendo che il cavaliere lo osservò camminare per diverso tempo.

Cale continuò a camminare con calma.

La Piazza della Gloria.

Il re quel giorno aveva intenzione di porgere rispetto ai caduti e di conferire medaglie a determinate persone per le azioni compiute durante l’incidente terroristico della piazza. Ai riceventi erano state conferite le qualifiche per stare in piedi nel secondo posto più alto della piattaforma, giusto al di sotto del re, nella piazza quel giorno.

Cale stava indossando un completo nero ancora più lussuoso del solito mentre camminava verso il proprio posto.

“Cale.”

“Hyung-nim, è arrivato presto oggi.”

Cale sorrise a Eric Wheelsman, che lo aveva chiamato, prima di fermarsi al proprio posto. Quello era il posto per i nobili. Cale si trovava lì, ma perché?

Eric Wheelsman, Amiru, Gilbert e tutti gli altri nobili non potevano far altro che osservare Cale in silenzio. Era perché avevano sentito tutte le notizie che riguardavano Cale.

Cale Henituse aveva rifiutato di accettare una medaglia d’onore e l’aveva ceduta a qualcun altro.

Per di più, aveva trascinato quel suo corpo ancora ferito per partecipare alla cerimonia.

Amiru Ubarr guardò verso Cale, che stava osservando il cielo.

“È una bellissima giornata. Probabilmente perché siamo qui a porgere rispetto ai caduti.”

I capelli rossi di Cale fluttuarono al vento e crearono un netto contrasto con il suo completo nero. Amiru aveva un sorriso incuriosito dopo aver visto Cale confidente come al solito.

“Probabilmente è grazie a lei, signorino Cale.”

“A me?”

Cale guardò verso Amiru, confuso. Amiru rispose con un sorriso calmo e caloroso. Cale trovò quella reazione strana, ma disse comunque quello che aveva da dire.

“Partirà oggi, signorina Amiru?”

“Sì. Credo di aver compreso che lei partirà domani? La rivedrò nel mio territorio Ubarr.”

Cale sarebbe andato a visitare il territorio Ubarr dopo la cerimonia.

“Sì. Voglio vedere l’oceano.”

“Ho sentito. È per la sua convalescenza?”

“Sì. Sarebbe bello avere un po’ d’aria fresca.”

‘Convalescenza un cazzo. Sono completamente sano e andrò lì per diventare ancora più forte.’

Tuttavia, Cale concordò con Amiru e annuì prima di aggiungere.

“Ovviamente, quella non è l’unica ragione.”

“Ah, naturalmente.”

Amiru, così come Gilbert ed Eric che stavano ascoltando, iniziò a sorridere. Era un sorriso simile a quello di Cale. In seguito a quella giornata, i nobili avrebbero tutti sentito parlare di cosa stava accadendo.

Lo sviluppo e l’investimento per una base militare nella costa nord-orientale. Ecco perché Amiru e Gilbert si stavano affrettando a lasciare la capitale quella notte. Era per prevenire che qualsiasi falsa informazione potesse trapelare, e anche perché la corona voleva che le cose procedessero il più velocemente possibile.

Ovviamente, tutto ciò era possibile solo perché la famiglia Henituse aveva aderito a prestare un enorme quantità di denaro ai territori di Amiru e Gilbert. Quella era l’altra ragione per cui Cale avrebbe visitato i loro territori.

‘Cale, abbiamo intenzione di mandare qualcuno anche noi, ma visto che stai andando lì in ogni caso dà un’occhiata in giro mentre ci sei.’

‘Padre, non sarebbe meglio se un esperto vi andasse?’

‘Avere più paia di occhi è sempre meglio.’

Cale decise di far ciò che conte Deruth gli aveva chiesto.

“Ci affidiamo a lei.”

“Ci affidiamo a lei, signorino Cale.”

Cale fece cenno ad Amiru e Gilbert come a dire di non preoccuparsi, e guardò davanti a sé. Re Zed era arrivato.

Le cerimonia commemorativa e di conferimento delle medaglie ebbe poi inizio.

Re Zed parlò con un tono potente, mai usato prima. Vi era ancora un grande numero di persone nella piazza, ma l’atmosfera era completamente differente. Erano tutti in silenzio.

“Siamo qui riuniti di nuovo oggi per dimostrare che non soccomberemo alla paura.”

Re Zed richiamò la folla ancora una volta. Era un avvertimento per i nemici, e un modo per riunire la folla. Re Zed guardò in basso verso la pizza dal punto più alto della piattaforma mentre continuava a parlare.

“Molte persone hanno dimostrato atti eroici durante questo incidente. Siamo stati in grado di proteggere questa terra come in passato grazie al loro coraggio.”

Sembrò come se re Zed avesse incrociato lo sguardo con Cale in quel momento, ma Cale sperò che così non fosse. Cale distolse senza farsi notare lo sguardo per osservare il cielo alle spalle del re. Poi pensò a quello che il drago nero aveva detto.

‘Benedizione del Dio del Sole? Non sento nessun potere divino da questi umani deboli. L’unico speciale è il Principe ereditario.’

Non vi era nessuna verità dietro alla convinzione che la famiglia Crossman fosse benedetta dal Dio del Sole. Cale, venuto a conoscenza di un’altra inutile verità, decise di fare finta di non sapere niente, come al solito. Il drago nero sembrò essersi eccitato dopo che Cale gli aveva di mantenere quel segreto tra loro, e concordò contento.

“A tal proposito, consegneremo adesso le medaglie a questi individui eroici!”

Re Red iniziò la cerimonia di conferimento delle medaglie e tutti si avvicinarono uno ad uno per ricevere la loro.

Waaaaaaaaaaa-

Le acclamazioni riempirono la piazza, come se non fosse mai stata in silenzio. La voce del drago nero invase la mente di Cale ancora una volta.

  • Gli umani sono interessanti.

Whaaaaaaa-

Cale riusciva a sentire la voce del drago nero, così come l’ovazione della folla per un cavaliere che aveva appena ricevuto una medaglia. Cale poteva quasi indovinare cosa il drago nero trovasse interessante.

Tuttavia, poiché Cale era umano, capiva i sentimenti delle persone ancora in vita meglio del drago nero. Vi erano momenti in cui essere tristi e momenti in cui essere eccitati.

Clap, clap, clap.

Ecco perché anche lui applaudì alle persone che avevano ricevuto le medaglie. L’atmosfera era decisamente migliore adesso. Le persone si stavano godendo la cerimonia di conferimento delle medaglie quasi fosse un festival. Quell’ambiente gioviale fece sì che tutti fossero in grado di approcciare Cale adesso.

“Signorino Cale.”

Cale si voltò dopo aver sentito quella voce tranquilla chiamarlo. Vi era un bel numero di nobili che si stava dirigendo verso casa, pensando che la capitale fosse un luogo pericoloso a causa dell’incidente terroristico. Ecco perché il numero di nobili lì era inferiore rispetto a prima, ma uno di loro approcciò Cale e lo aveva chiamato.

“Sì, signorino Venion?”

Venion Stan era ancora qui. Per di più, lo erano anche i capi di ogni regione.

“Ho sentito che ha declinato una medaglia. Non se ne pentirà?”

Gli sguardi dei nobili che stavano guardando verso la piattaforma si voltarono tutti verso Venion e Cale. Cale non sapeva perché Venion gli stesse sorridendo così gentilmente e facendo quella domanda.

  • Voglio ucciderlo.

Cale era solo preoccupato che il corpo di Venion potesse esplodere in quel momento. Cale sperava che il drago nero si calmasse, e pensò alla medaglia.

Cale aveva declinato la medaglia. La ragione era semplice. Non voleva essere ‘registrato’.

Vi era un registro di tutti i re passati del regno al piano più alto della libreria reale. Il piano sottostante conteneva i registri di tutti gli ‘eroi’ che avevano ricevuto differenti medaglie d’onore nel corso della storia del regno.

La corona usava il fatto che dovessero continuare a provvedere la ricompensa in denaro a questi eroi per localizzarli e tenerli sotto controllo.

‘Quello potrebbe suonare come fama e onore agli altri, ma per me sembrano solo catene.’

Cale non voleva essere documentato da nessuna parte. Era più facile dimenticarsi di qualcuno che non lo era. Chi si sarebbe mai potuto ricordare dell’incidente in questa piazza in futuro, quando la guerra sarebbe stata sul punto di scoppiare? Anche se avessero ricordato quest’incidente, avrebbero prima pensato ad altre cose.

Il fatto che ne fosse a conoscenza era parte della ragione per cui Cale aveva deciso di farsi avanti durante l’incidente terroristico, così come la ragione per cui voleva evitare di essere documentato.

Cale iniziò a sorridere mentre guardava verso Venion e iniziava a parlare.

“Di cosa dovrei pentirmi?”

Cale non aveva niente di cui pentirsi. Aveva ricevuto una ricompensa cospicua, e soprattutto…

“Per me è sufficiente essere riusciti a sopravvivere.”

Era stato in grado di vivere senza essere rimasto seriamente ferito. Quella era assolutamente la più importante verità per Cale – no, per Kim Rok Soo. La zona circostante si fece silenziosa. Venion parlò dopo un po’, quasi a rompere quel silenzio.

“…Capisco.”

“Sì. Sono anche molto timido. Sono troppo timido per salire fino a lì e ricevere una medaglia.”

L’espressione di Venion si fece strana. Tuttavia, Cale semplicemente si strinse nelle spalle e si voltò, battendo le mani per la nuova persona che stava ricevendo una medaglia.

Il drago nero stava ponderando se uccidere Venion velocemente e in modo semplice, prima di guardare verso Cale e le persone intorno a lui e scuotere la testa.

Vi erano troppe persone che stavano guardando verso Cale in quel momento. Sia nobili che cittadini al di sotto della piattaforma lo stavano osservando. Il drago nero pensò che le cose avrebbero potuto diventare parecchio complicate e irritanti per Cale se avesse ucciso Venion in quel momento, così optò per comportarsi come Cale e rimanere fermo – molto fermo – mentre continuava a seguire la cerimonia.

“Questo conclude la cerimonia di oggi. Tuttavia, questo re non si dimenticherà di questo momento. Lo ricorderò giorno dopo giorno in modo da non dimenticarmi di questi valenti eroi!”

La cerimonia si concluse con quelle parole finali del re.

Swiiiiiish-

Un forte vento il cui suono assomigliava alla pioggia iniziò a tirare nella piazza. Cale si tirò indietro i capelli scompigliati con la mano.

Il Principe ereditario gli aveva detto che avrebbe potuto non presentarsi alla commemorazione di quel giorno. Tuttavia, Cale lo aveva fatto.

Era perché sapeva quanto la morte di una persona potesse pesare.

Finì di commemorare i morti e si portò la mano destra sul cuore. Questo allertò Eric, che cominciò a parlare.

“Cale! Hai esagerato? Ti fa male il cuore?”

Cale guardò verso Eric, sconvolto, e il suo sguardo confidente fece sorridere in modo goffo Eric, il quale si fece da parte. Eric sembrava essere molto imbarazzato.

Cale sorrise alla reazione di Eric e si diede due pacche al petto. Poteva sentire la targhetta dorata nella tasca interna mentre lo faceva. Era la ricompensa che aveva ricevuto dal Principe ereditario.

‘Il Principe ereditario è molto più generoso di quanto mi aspettassi.’

La targhetta dorata dava a Cale due possibilità di comprare qualsiasi cosa, indipendentemente dal costo.

Non importava se avesse comprato due tozzi di pane o due montagne. Tutto quello che importava è che poteva usarla solo due volte. Cale aveva intenzione di usare queste due possibilità in modo molto efficiente in futuro.

‘Sono sicuro che il Principe ereditario stesse pensando ‘quanto mai potrà davvero spendere’ quando me l’ha data.’

O quello, o gliela aveva data solo per vedere cosa ci avrebbe comprato.

‘Peccato che si sbagli.’

Cale iniziò a sorridere. Vi erano molte cose uniche al monto che potevi comprare finché eri a conoscenza di come acquisirle.

  • Cosa stai pianificando, umano debole? Stai attento.

Cale ignorò il commento preoccupato del drago nero, che aveva visto il sorrisetto che Cale aveva sul volto. Cale si guardò attorno e incrociò lo sguardo con molte persone.

Tuttavia, confidava nel fatto che quegli sguardi sarebbero spariti una volta lasciata la capitale.

Ecco perché Cale, che dopo essere tornato alla propria residenza, aveva concluso i preparativi per partire la mattina presto del giorno seguente, consegnò al drago nero una fetta di bistecca insieme a tre oggetti. Il drago nero afferrò il piatto con la bistecca mentre domandava.

“Questo per che cos’è?”

I tre oggetti erano tutte bombe magiche con i dispositivi di detonazione rimossi. Il mana compresso era ancora presente al loro interno. Per adesso, Cale aveva intenzione di usare solo una di queste tre bombe. Un sorrisetto dispettoso comparve sul volto di Cale.

“Per distruggere un mulinello.”

Cale aveva intenzione di rivoltare il mare nord-orientale del Regno di Roan senza che nessuno lo sapesse. Era possibile perché né le sirene né la Tribù della Balena avrebbero dovuto trovarsi là al momento.

 

*“Oh, young master Silver Light!”  Consigli sulla traduzione sono bene accetti, visto che io sono morta dal ridere provando a tradurre questa singola frase. Ci ho perso almeno venti minuti buoni solo per smettere di ridere XD

 

<< Previous Chapter | Index | Next Chapter >>

Bookmark(0)

No account yet? Register

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *