La Nullità della Famiglia del Conte – Capitolo 36 – Stare fermi (3)

Choi Han lanciò uno sguardo al drago nero prima di tornare a guardare verso Cale e chiedere.

“Distruggeremo tutto?”
“No. Assolutamente no.”

‘Perché il suo modo di pensare è sempre così estremo?’

Cale si sdraiò a letto e fece gesto a Choi Han di andarsene.

“Muoviti e torna presto. Oh, e indossa un cappello.”
“Capito.”

Choi Han lasciò accesa solo la luce del comodino e spense il resto prima di dirigersi fuori e dire qualcosa ad Hans. Cale tenne gli occhi chiusi e fece finta di dormire.

La porta si chiuse presto e Hans non entrò. Il drago nero, invisibile quando la porta era aperta, rimosse la sua invisibilità e atterrò sul letto. Un lato del letto iniziò a sprofondare mentre il drago iniziava a parlare con voce preoccupata.

“Non puoi addormentarti davvero.”

Cale iniziò a pensare dopo aver sentito le parole del drago.

‘Sembro avere quattro anni per questo drago?’

Cale sospirò e si alzò dal letto. Dopo poco, Choi Han rientrò in camera attraverso la finestra indossando un mantello.

“Sei qui. Immagino che il mantello sia decisamente meglio di un cappello.”

Choi Han annuì e iniziò a parlare al drago mentre Cale prendeva un cappello.

“Ci seguirai così?”
“Sarò invisibile.”
“…Ho sentito dire che i draghi sono polimorfi. Non puoi diventare un umano? Penso che sarebbe più semplice.”

La magia di un drago era espressione della loro volontà. Ecco perché Choi Han aveva pensato che il drago potesse cambiare facilmente forma se solo lo avesse voluto.
Il drago nero sbuffò alle parole di Choi Han.

“Odio gli umani. Non voglio essere come loro. Lui ha detto che i draghi sono fighi ed eccezionali.”
“Chi lo ha detto?”

Il drago nero sbirciò verso Cale alla domanda di Choi Han, prima di guardare velocemente altrove. Divenne poi invisibile e volò via. La parte sprofondata del letto tornò normale.

Cale iniziò a parlare con calma a Choi Han, che lo stava fissando con una strana espressione sul volto.

“I draghi sono proprio fighi.”
“Lo sono davvero.”

Choi Han annuì e seguì Cale, che si stava dirigendo verso la terrazza. Poi guardò fuori dalla finestra della terrazza del terzo piano e si fermò all’improvviso.

“Uh… Cale-nim.”
“Cosa?”
“…Devo prenderla di nuovo in braccio?”

Cale sbuffò alla domanda esitante di Choi Han, e indicò il soffitto con l’indice. In quel momento, il corpo di Cale venne sollevato lentamente dal pavimento e cominciò a divenire invisibile.

Cale osservò il suo intero corpo diventare invisibile prima di guardare verso il soffitto e iniziare a parlare.

“I draghi sono eccezionali e potenti.”
“Hai ragione. I draghi sono eccezionali e potenti.”

Il drago nero invisibile rispose a Cale. Choi Han scorse il sorrisino malvagio di Cale comparire velocemente prima di sparire. Choi Han capì come Cale stesse controllando il drago e anche lui iniziò a parlare.

“Wow, i draghi sono eccezionali e potenti.”

Una volta che Choi Han disse ciò, anche lui divenne invisibile e poterono lasciare la residenza senza nessuna preoccupazione. Ovviamente, vi erano strumenti di rilevamento magici vicino alla recinzione della residenza, ma erano lì come prevenzione contro gli intrusi. Non reagivano alle persone che lasciavano la residenza.

Choi Han si trovava in un piccolo vicolo un po’ lontano dalla residenza e iniziò a parlare.

“Da qui in poi va bene.”

Non appena lo disse, l’invisibilità su Cale e Choi Han venne rimossa. Cale, la cui magia di levitazione venne cancellata a sua volta, stava fluttuando a dieci centimetri dal terreno e atterrò con delicatezza. Cale era scioccato dalla catena di questi eventi.

‘L’abilità magica del drago nero è molto più potente di quanto credessi. Mi chiedo se sia correlato alle sue caratteristiche speciali.’

Questo livello di magia era già leggermente più alto del livello dei maghi di grado più alto. Non sorprendeva che dicessero che un drago adulto potesse facilmente distruggere un regno interno se solo avesse voluto.

‘Ma non avrò più bisogno del suo aiuto una volta ottenuto il Suono del Vento. Poi potrò muovermi senza che il drago nero o Choi Han vengano con me.’

Il Suono del Vento era il terzo potere che Cale aveva intenzione di ottenere. Tuttavia, doveva dirigersi alla costa nord-orientali del Regno di Roan per trovarlo.

‘Devo andare nel territorio della signorina Amiru.’

Cale aveva intenzione di dirigersi lì per ottenere il Suono del Vento lungo la via del ritorno dalla capitale. La scusa che avrebbe dato agli altri sarebbe stata di fare un giro turistico visto che era già fuori. Il fatto che fosse un potere antico vicino al mare lo faceva un po’ preoccupare, ma Cale decise di non pensarci più di tanto perché era un potere che poteva ottenere tranquillamente.

‘Per allora il gruppo di Choi Han non dovrebbe essere con me in ogni caso.’

Cale era sicuro che la Tribù delle Balene e le sirene sarebbero comparse alla costa nord-orientale alla fine del quarto volume. La guerra nell’oceano tra il Continente occidentale e orientale. Tutto quello che doveva fare era evitare la costa in quel momento. Più che le balene, doveva evitare quelle pazze sirene.

Cale coprì i capelli rossi con il cappello, prima di prendere una mappa dalla tasca. Poi fece strada.

“Seguitemi.”

Il drago nero ancora invisibile e Choi Han camminarono al fianco di Cale, seguendolo fuori dal distretto meridionale dei nobili e arrivando al centro di Huiss.

La notte divenne luminosa come il giorno a mano a mano che si avvicinavano al centro di Huiss. Vi erano molte luci accese per le strade piene di negozi che vendevano merce, e i bar erano i più animati al momento.

“La vita di notte alla capitale è davvero diversa dagli altri posti.”
“Davvero.”

Cale annuì alle parole di Choi Han prima di dirigersi verso la Piazza della Gloria al centro di Huiss. Videro di fronte a loro una piazza circolare con delle fontane in tutte e quattro le direzioni. Ogni fontana era circondata da un gruppo di cittadini.

I tre videro i cittadini rilassarsi con le loro famiglie e amici dopo una lunga giornata di lavoro. Visto che erano le nove di sera al momento, poteva continuare a rilassarsi nella piazza fino all’arrivo delle guardie durante la ronda delle undici.

Cale guardò verso sinistra. Choi Han stava guardando in modo assente alcune famiglie ridere insieme alla fontana ad est.

Cale, che stava osservando Choi Han con calma così come la scena di fronte a loro, iniziò a parlare.

“Fai sì che nessuno possa sentirci.”

Una volta detto ciò, una cupola invisibile apparve intorno a loro. Era qualcosa che solo Cale, Choi Han e il drago nero all’interno della cupola potevano vedere.

Choi Han si voltò finalmente verso Cale.

“C’è questa cosa chiamata bomba magica.”
“Una bomba?”
“Sì, una bomba. Le bombe magiche possono avere molte forme e dimensioni. Il Continente occidentale ha una lunga storia in fatto di guerre condotte dalla magia, quindi è stata sviluppata parecchio.”

Choi Han ascoltò in silenzio alla storia di Cale.

“Tuttavia, ci sono molte restrizioni. La localizzazione della bomba magica, controllare il mana che ne fluisce fuori, e molti altri fattori che fanno sì che queste bombe siano molto complicate da utilizzare.”

“Ecco perché hanno preferito che un mago utilizzasse la propria magia durante la guerra piuttosto che usare le bombe magiche. Ma le bombe magiche questa volta sono differenti da quelle usate in precedenza.”

“Tra queste bombe, quelle appena sviluppate esploderanno qui, così come in diversi posti nei dintorni in sei giorni.”

Cale non pensava che le cinque bombe che Choi Han e Rosalyn avevano trovato nel romanzo sarebbero state le stesse. La storia era già cambiata. Quello voleva dire che anche questa situazione poteva cambiare con facilità. Ecco perché Cale se ne era uscito con un nuovo piano. Tuttavia, era ancora sicuro che l’incidente terroristico con le bombe magiche sarebbe comunque avvenuto come descritto.

‘Visto che sono stato in grado di confermare che quel mago pazzoide si trova in questo regno.’

Il mago pazzo era colui che aveva creato questa nuova bomba magica. L’organizzazione segreta avrebbe eventualmente distribuito questa bomba a diversi territori nel Regno di Roan dopo l’incidente alla capitale. Ovviamente, avrebbero nascosto la loro identità di organizzazione segreta.

“Sta dicendo che la bomba esploderà qui?”
“Sì.”

Choi Han si guardò intorno, verso le fontane e le persone nella piazza. Una voce gelida arrivò alle sue orecchie in quel momento.

“Può essere sotterrata da qualche parte o anche installata su una persona. Naturalmente, quella persona non è consapevole che sia una bomba ma pensa che sia qualcos’altro, come un braccialetto o una borsetta, e l’ha addosso.”

Su una persona. Quella frase fece voltare la testa a Choi Han verso Cale. Cale rispose in modo gelido a Choi Han.

“Ecco perché dobbiamo impedirlo.”

Ovviamente, Cale non l’avrebbe fatto. Choi Han, Rosalyn e il drago nero sarebbero stati coloro a occuparsene. Cale aveva intenzione di starsene fermo. Cale aveva in programma di starsene tranquillo alla capitale.

“Come possiamo impedirlo?”
“Semplice.”

Cale incrociò le braccia mentre si appoggiava su un albero nella piazza e continuò a parlare.

“Bombe magiche sono, in sostanza, blocchi di mana. Ecco perché tutto quello che devi fare è avere qualcuno con un’alta sensitività al mana a ispezionare l’area e a cercare tutti i posti che sembrano avere un’abbondanza di mana.”

Choi Han sussultò all’atteggiamento calmo di Cale prima di chiedere con cautela.

“È così tanto da poter essere localizzato così facilmente?”
“No. È solo leggermente più alto, e questo lo rende più difficile da rilevare da un mago normale. Ma quel piccolo blocco di mana può istantaneamente risucchiare il mana nell’area circostante per creare un’enorme esplosione.”

Choi Han sembrava preoccupato. Essendo uno spadaccino e utilizzatore di mana, era anche leggermente sensibile al mana. Tuttavia, non lo era quanto i maghi e non poteva essere d’aiuto.

“Cale-nim, non penso che sarà facile.”
“Sarà davvero facile invece.”

Cale rispose in quel modo mentre domandava.

“Giusto?”

In quel momento, una risposta venne da sopra di lui.

“È fattibile. Solo fastidioso.”

Accanto a Cale vi era il drago nero, un’esistenza che si diceva essere la più sensibile al mana. Choi Han capì velocemente e annuì. Aveva dimenticato che quel drago fosse un’eccezionale e potente esistenza.

Cale consegnò la mappa nelle mani di Choi Han.

“Non so niente a riguardo delle persone, ma le bombe installate nelle localizzazioni verranno poste almeno due giorni prima l’incidente.”

Il giorno dell’incidente sarebbe stato quello dell’arrivo del re. Questo significava che la sicurezza sarebbe stata diverse volte più stretta rispetto al normale a partire dal giorno precedente. Ecco perché dovevano installare le bombe almeno due giorni prima.

“Non sono sicuro a riguardo delle altre localizzazioni, ma sono certo che almeno una bomba si trovi vicino alla piazza. Questo è il posto con più persone.”
“Sì, sono d’accordo.”
“Ecco perché, con la piazza come punto centrale…”

Cale indicò Choi Han e poi verso il cielo.

“Choi Han, tu e il drago girerete per la capitale ogni notte per cercare le bombe magiche.”

“Noi due?”

Cale diede una pacca a Choi Han sulla spalla e rispose mentre Choi Han domandava. Il modo in cui gestire il drago nero e Choi Han era abbastanza simile.

“Sì. Choi Han, se sei tu, so che sarai in grado di muoverti in modo furtivo senza essere scoperto. Hai davvero talento.”

Choi Han annuì in silenzio con un’espressione seria. Poi chiese.

“Cosa dovremo fare una volta trovata?”
“Lasciarla lì per ora.”
“…Non sbarazzarcene?”
“Ce ne sbarazzeremo il giorno dell’incidente.”
“Posso chiederle perché?”

Cale iniziò a ghignare.

“Non vuoi trovare quel mago?”

Non era la risposta alla domanda di Choi Han, ma questi annuì con la testa. Cale osservò la piazza. Tutto sembravano felici, ma i membri della società segreta potevano essere tra loro. Cale non sapeva dove quel mago bevitore di sangue si trovasse. Il mago poteva anche nascondersi da qualche parte o gironzolare in giro sotto incognito.

“Un mago deve essere presente per far scattare una bomba magica. Il mago che ha creato la bomba deve rimuovere la restrizione per farla scoppiare.”
“…Allora-”

Choi Han iniziò a parlare prima di pensare a qualcosa e fermarsi e guardare verso Cale. Cale continuò con voce disinteressata.

“Primo, trovate le bombe. Se siete fortunati e trovate le persone su cui sono installate, seguitele senza essere notati.”

Visto che il drago nero sarebbe stato con lui, Choi Han sarebbe stato in grado di fermarsi prima di essere rilevato dalla magia. Ma Cale pensò che sarebbe stato difficile per loro trovare quelle persone durante il processo.

Avrebbe richiesto un sacco di lavoro trovare i luoghi con fluttuazioni leggermente più alte di mana per trovare le bombe. Sarebbe stato molto difficile e stancante. Ecco perché Cale aveva lasciato questo compito a loro due. Non sarebbe stato in grado di aiutarli ma, soprattutto, non voleva farlo.

“Quindi dobbiamo andare in giro fino a due giorni prima dell’evento?”
“No. Dovete farlo anche il giorno prima.”
“Il giorno prima?”

‘Non sarebbe stato ancora più difficile visto il maggior numero di guardie?’

Choi Han non fece questa domanda. Sarebbe stato difficile, ma era ancora fattibile per lui. Doveva solo metterci un po’ di impegno in più e prestare maggiore attenzione.

In quel momento, Choi Han vide il sorrisino malvagio di Cale ancora una volta.

Cale prese una sfera nera dalla sua borsa e la mostrò a Choi Han.

“Ah.”

Choi Han trattenne il fiato. Aveva familiarità con quella sfera nera. Era il disturbatore di mana. Era stato utilizzato una volta da Cale prima. Era potente abbastanza da avere un raggio che comprendeva un’intera montagna.

Cale sorrise con calma mentre iniziava a parlare. Sapeva quando la bomba sarebbe esplosa.

“Molti maghi saranno lì quel giorno, quindi probabilmente non durerà nemmeno dieci minuti, ma sarà d’aiuto. Non farà funzionare gli strumenti legati alla magia per quella durata.”

Dieci minuti erano sufficienti.

Avevano solo bisogno di salvare le persone con le bombe su di loro in quei dieci minuti. Sarebbero stati molto visibili. E, a quel punto, vi sarebbero stati diversi umani e uomini-bestia da mettere a lavoro, oltre a Choi Han e al drago.

Choi Han guardò avanti e indietro tra la sfera nera e Cale, prima di deglutire e iniziare a parlare.

“…Cale-nim, aveva intenzione di fare tutto questo per conto suo-”
“Ecco perché.”

Cale sapeva cosa Choi Han era sul punto di dire. Ecco perché lo aveva interrotto e iniziato a parlare a lui e al drago.

“Andate e lavorate.”

Choi Han fissò in maniera assente Cale. Cale indicò il bar che era molto famoso per le sue birre e continuò.

“Vi aspetterò là. Cercate in giro fino alle undici prima di tornare per oggi.”

Choi Han pensò per un momento, prima di lasciarsi scappare un sospiro simile a una risata e annuire.

“Capito. Oggi, io e il drago ispezioneremo l’interno della piazza prima di tornare.”

Choi Han aveva inizialmente intenzione di chiedere il perché Cale non stesse venendo con loro. Tuttavia, lo capì velocemente. Cale sarebbe stato solo un peso per Choi Han e il drago nero mentre lavoravano.

Cale era debole. Non vi era nemmeno una traccia di mana che proveniva dal suo corpo, né sembrava che praticasse qualche arte marziale. Era semplice, ma allo stesso tempo non lo era.

“Lavorerò sodo, quindi mi compri una birra una volta tornato.”
“Certo. Drago, grazie per il tuo aiuto.”

Il drago nero si liberò della cupola insonorizzata come a rispondere alle parole di Cale. Choi Han chinò leggermente la testa prima di allontanarsi da Cale.

Due ore dopo, Cale ritornò alla residenza con Choi Han e il drago nero, che non avevano trovato niente.

Non trovarono niente neanche la sera seguente.

Cale, che non riuscì a chiudere occhio quella sera, si svegliò finalmente a metà giornata. Non era però stanco, grazie alla Vitalità del Cuore.

“Signorino, siete sveglio?”
“…Ron.”

Il sonno dolce come il miele di Cale scomparve come un sogno, e tornò alla realtà.

“Sono tornato.”

Ron era tornato. Poi consegnò una lettera a Cale. Cale diede un ordine a Ron per la prima volta da un po’ dopo aver visto la lettera.

“Ron, vai a preparare una bottiglia del miglior vino.”

Era una lettera con lo stemma della gilda mercantile Flynn. Cale aprì la lettera per trovare una sola frase.

[Signorino Cale, mi offrirà presto da bere?]

Il figlio bastardo del capo della gilda mercantile Flynn, Billos, sarebbe presto arrivato alla capitale.

La lettera aiutò Cale a realizzare che non mancava molto prima del suo incontro con il Principe ereditario al palazzo reale. Visto che vi erano diversi cattivi laggiù, era il momento per lui di stare molto ma molto fermo.

<< Previous Chapter | Index | Next Chapter >>

Bookmark(0)

No account yet? Register

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *