La Nullità della Famiglia del Conte – Capitolo 35 – Stare fermi (2)

Rosalyn iniziò a sorridere.

“Avevo sentito dire che tu fossi una nullità, ma presumo fosse una bugia.”

Rosalyn smise di usare il tono rispettoso quasi immediatamente, come Cale si era aspettato. Benché la maggior parte delle persone non sapesse che aspetto avesse la principessa di un altro regno, era una cosa diversa per i nobili.

Per i nobili di basso rango poteva anche essere difficile raccogliere informazioni, ma per un conte – come la famiglia Henituse – avere informazioni sui nobili e i reali dei regni confinanti era una conoscenza di base. Essere un nobile non era solo divertimento e giochi.

Cale rispose all’affermazione di Rosalyn.

“È vero che sono famoso per essere una nullità. Tuttavia, un mago dovrebbe giudicare in base ai propri cinque sensi.”
“Ha ragione, signorino Cale. Crediamo solo nelle cose di cui abbiamo fatto esperienza noi stessi.”

Cale pensò che il modo di parlare di Rosalyn fosse alquanto strano. Stava parlando in modo informale da principessa, ma quando si riferiva come parte della società dei maghi usando il termine ‘noi’ parlava in modo formale. La sua identità come maga sembrava essere molto importante per lei.

“Ma principessa-nim.”
“Rosalyn.”

Sembrava che non le piacesse davvero essere trattata come una principessa.

“Okay allora. Signorina Rosalyn, ha finito con le sue domande?”
“Sì, ho finito.”

Sorrise mentre rispondeva.

“Signorino Cale, sembra che non voglia avere niente a che fare con me?”

Anche se sapeva che era una principessa, lui le aveva detto di godersi il suo soggiorno e poi andarsene. Non che lo avesse trovato irrispettoso o altro. Anzi, lei preferiva così. Se avesse voluto un trattamento speciale, avrebbe rivelato il suo nome per intero e la sua identità immediatamente.

Non voleva essere trattata in quel modo in ogni caso. Per di più, era grata che Cale avesse detto loro della condizione di Lock.

“Davvero? Ho solo agito in questo modo perché pensavo che la principessa-nim preferisse così.”

‘Bugiardo.’

Rosalyn considerò le parole di Cale come una buona scusa.

Un umano che viaggiava con un drago. Lui era famoso in società per essere una nullità, ma non lo era davvero. Avrebbe potuto rivelare la sua esistenza se solo avesse voluto farlo.

Ringraziò Cale, che stava sorridendo come se non sapesse niente.

“Sembra che non abbia informato i reali di Roan. La ringrazio di cuore.”
“Nessun problema. Questo genere di cose dovrebbe seguire la volontà dell’individuo coinvolto.”

Cale pensò che il Principe ereditario avrebbe potuto irrompere nella residenza se Cale lo avesse riferito a palazzo.

“Avete ragione, signorino Cale. Non desidero rivelarmi. Se questo dovesse causarle qualche problema in futuro, per favore dica che le ho chiesto io di fare così. Manderò un messaggero per sostenere la sua storia.”
“Capito.”
“Grazie mille per permettermi di stare qui. Mi occuperò dei miei affari e non le causerò nessun problema.”

‘Non causarmi nessun problema.’

Cale ringraziò Rosalyn, che gli stava dando la risposta che più voleva sentire.

“La ringrazio davvero.”
“Nessun problema, dovrebbe essere sempre così.”

Rosalyn liquidò i ringraziamenti di Cale prima di continuare a mangiare. Cale e Rosalyn, i due non avevamo più bisogno di parlare. Rosalyn sbirciò solo il drago ogni tanto.

Non poteva evitarlo. Da maga, il suo sguardo continuava a dirigersi verso il drago. Il drago smise di mangiare la salsiccia che doveva essere inizialmente per Cale prima di voltarsi a guardare Rosalyn. Dopo aver ignorato lo sbirciare insistente di Rosalyn per un po’, finalmente parlò.

“Mangia il tuo cibo. Questo è mio.”

Il drago nero avvicinò il piatto con la salsiccia a sé. Cale stava aggiungendo ancora più cibo in quel piatto con nonchalance per il drago. Il drago nero stava diventando dipendente dal sapore della bistecca, cosa che era diversa dal mangiare la carne cruda, così come per le varie pietanze che erano sul tavolo.

Rosalyn sbirciò verso Cale, e Cale sollevò di nascosto quattro dita senza che il drago se ne accorgesse. Quattro anni. Rosalyn sorrise al significato del messaggio di Cale, e rispose al drago.

“Sì, drago-nim. Non prenderei mai di mira il suo cibo.”

Il drago nero iniziò a mangiare di nuovo e anche Rosalyn e Cale fecero lo stesso.
Fu un pasto rilassante e tranquillo.

Una volta finito, Cale salì sulla carrozza per andare a incontrare i nobili nord-orientali. I nobili nord-orientali consistevano solo in dieci famiglie nobiliari. Ve ne erano di più se si consideravano i baroni e i ranghi inferiori, ma il pilastro del nord-est era basato su queste dieci famiglie. Di queste dieci famiglie, le tre persone che Cale stava per incontrare oggi facevano parte di tre famiglie che avevano avuto rapporti amichevoli con la famiglia Henituse per molto tempo.

“Che dilemma.”

Ecco perché Cale era preoccupato. Choi Han, che lo aveva seguito come guardia, domandò causalmente.

“Per cosa? Se posso aiutare, per favore me lo dica.”
“Niente. Non devi saperlo.”

Cale risposte in modo secco prima di iniziare a pensare di nuovo. Choi Han osservò Cale e iniziò anche a preoccuparsi. Era la prima volta che Choi Han vedeva Cale preoccuparsi così.

Cale non sapeva cosa fare.
Che genere di caos doveva creare per sembrare una nullità?
Cale aveva realizzato una cosa dopo essere finito con un enorme fardello, quali Choi Han e il drago nero. Aveva un dilemma su come vivere da nullità.

I nobili nord-orientali dovevano aver visto il comportamento da nullità di Cale in passato. Dovevano anche aver ricevuto parola di tutti i comportamenti da delinquente di Cale nel territorio Henituse. Ecco perché doveva stare più attento… no, doveva essere ancora più caotico.

“Mmm.”

Cale guardò in basso verso le sue mani. Agire come un completo bastardo? Quello poteva essere un modo per sembrare la feccia della feccia. Mentre Cale stava pensando a cosa avrebbe potuto fare per comportarsi in modo terribile, la carrozza si fermò di fronte a una residenza. Visto che i nobili nord-orientali avevano tutti residenze nella stessa zona della capitale, non era molto lontano.

“Benvenuto, signorino Cale-nim.”

Cale si accorse del maggiordomo anziano che lo aveva accolto al cancello, e guardò verso l’edificio dietro il maggiordomo.

Questa era la residenza del conte Wheelsman. Il territorio del conte Wheelsman era localizzato nelle prime parti a nordest, e non era né molto forte né benestante. Ecco perché era stato in grado di costruire un buon rapporto con conte Henituse nel nordest, dove non avevano nessun duca o marchese. Al Conte Henituse piaceva quest’amicizia perché, per qualcuno come lui il cui territorio era nel lontano confine del nordest, conoscere qualcuno che era vicino alla capitale era vantaggioso.

Cale pensò al successore del conte Wheelsman.

‘Eric Wheelsman.’

Il vice-maggiordomo Hans aveva consigliato cautamente a Cale prima che partisse per questo incontro.

‘Signorino, è fantastico che lei e il signorino Eric abbiate una buona relazione, ma le sto parlando di questo per chiederle se pensa che se sia più intelligente non agire come se foste così vicini di fronte agli altri nobili all’assemblea.’

Quello fece capire a Cale che Eric e il proprietario originale di quel corpo fossero vicini. Tuttavia, l’informazione su Eric nel rapporto informazionale sui nobili lo descriveva come una persona buona ma un po’ seria.

“Signorino Cale, posso guidarla dentro?”
“Certo.”

Cale seguì il vecchio maggiordomo nella residenza Wheelsman.

Eric Wheelsman, Gilbert Chetter e Amiru Ubarr. I tre si trovavano all’interno della residenza. Cale stava ancora pensando a come comportarsi di fronte a loro mentre entravano dentro.

Alla fine, non doveva preoccuparsi di una cosa simile.

“Cale. Almeno ascolti ancora questo hyung, vero?”

Cale aveva un’espressione confusa sul volto. Eric Wheelsman spinse in alto gli occhiali dopo averla vista. In quel momento, Cale era seduto al tavolo con gli altri tre nobili a circondarlo come se si trovasse a un’intervista.

‘È strano.’

Ma era più come se lo stessero consolando più che intervistarlo. Eric Wheelsman iniziò a parlare.

“Non sarà fastidioso anche per te?”

La figlia della viscontessa Ubarr, Amiru, e il figlio del barone Chetter, Gilbert, si intromisero.

“Ha ragione. Signorino Cale, ho sentito che non apprezza le formalità fastidiose.”
“Signorino Cale, non è sbagliato trovare qualcosa fastidioso.”

Sembrava come se stessero cercando di consolare un bambino. Cale prima rispose alle loro parole.

“Sì, è fastidioso.”
“Ecco! Ecco perché!”

Tap.

Eric picchiettò leggermente sul tavolo. Non sembrava perché fosse arrabbiato, ma era più un movimento involontario.

Guardò verso Cale, che era stato un bambino carino fino a quando non era cresciuto in una nullità, e continuò con calma.

“Ecco perché non devi dire né fare niente. Stai solo fermo! Stai fermo e noi penseremo al resto per te. Odi le cose fastidiose e le formalità in ogni caso.”

Cale rispose con un’espressione intrigata.

“Sono molto bravo a stare fermo.”
“Uh? Lo sei? Ah, sì. Tu sei così. Sei molto bravo in quello.”

Eric era conosciuto per essere serio, ma era anche il tipo di persona che si preoccupava di tutto. Tuttavia, era così solo perché gli piaceva pensare a tutto prima ancora che qualcosa accadesse.
Iniziò a parlare a Cale, che era diventato la sua più grande preoccupazione dal giorno prima, quando aveva scoperto che Cale era davvero colui che era arrivato alla capitale. Gli altri due guardarono verso Eric come a incoraggiarlo.

“Alcuni degli altri nobili nord-orientali potrebbero provare a infastidirti. Quelli che hanno deciso di stare con il marchese Stan o con qualche altro duca ci proveranno sicuramente. Ma tutto quello che devi fare è stare tranquillo e noi penseremo al resto per te. Cosa ne pensi?”

Questo era ciò che preoccupava maggiormente Eric. Delle dieci famiglie pilastro, solo quattro non si erano schierate con nessuno. Gli altri nobili che si erano alleati con altri nobili di rango maggiore fuori dal territorio avrebbero voluto offrire l’intero gruppo di nobili nord-orientali a chi stava sopra di loro.
Dovevano essere cauti, cauti e ancora più cauti. Questo gruppo di quattro famiglie doveva trovarsi al centro. Quello era il loro modo di essere la fazione più forte nell’nordest e, affinché potessero esserlo, la benestante famiglia Henituse non poteva causare nessun incidente alla capitale.

Eric, così come gli altri due, aspettarono in silenzio la risposta di Cale.

“Sarebbe fantastico.”

Cale aveva un sorriso gentile sul volto oltre che alla risposta. Eric pensò che Cale sembrasse ancora come il bravo bambino del passato, fintanto che non bevesse, e iniziò a parlare.

“Ho anche intenzione di porre i nostri ossequi al Principe ereditario tutti insieme. Sono sicuro che lo trovi fastidioso e che vuoi bere immediatamente, ma sarà difficile. Finché farai quel saluto iniziale, noi ci occuperemo di TUTTO IL RESTO!”

‘Oh?’

Cale iniziò a ghignare. Trovava quell’atmosfera parecchio interessante. Sollevò il calice da vino davanti a lui. Cale vide Gilbert sussultare a quel gesto.

Cale pensò che anche quello fosse strano. Poteva anche essere una nullità fastidiosa, ma visto che erano dalla stessa parte la loro unica scelta era proteggerlo. Si bagnò le labbra con il vino prima di iniziare a parlare.

“È ottimo.”
“Lo è, vero?”

Eric aveva un sorriso smagliante sul volto mentre i suoi occhi riflettevano la luce proveniente dal lampadario.

Cale decise di accettare l’offerta dei tre nobili di non fare niente e la loro protezione. Quel piano gli piaceva parecchio.

“Tutto quello che devi fare è presentarti, sederti lì e rilassarti.”
“Ottimo, sembra perfetto.”

Era davvero una buona offerta, proprio il tipo che piaceva a Cale. Mangiò con calma il piatto davanti a sé, iniziando a pensare che fosse stata una buona idea quella di venire lì quel giorno. Tuttavia, Eric, Gilbert e Amiru non abbassarono la guardia. Cale Henituse era qualcuno che aveva anche lanciato una bottiglia all’assemblea dei nobili nord-orientali quando tutto sembrava andare liscio.

Erano specialmente attenti perché erano lì per convincere il Principe ereditario a investire nella costa nord-orientale, dove le famiglie di Gilbert e Amiru si trovavano.

“Il vino dal territorio Henituse è davvero ottimo.”

Ovviamente, Cale era a conoscenza dell’aspirazione delle due famiglie di ottenere l’investimento del Principe ereditario dalle informazioni che Hans gli aveva fornito. Le quattro famiglie si scambiavano informazioni a vicenda senza nessun segreto. Tuttavia, Cale sapeva che l’investimento da parte del Principe ereditario non era possibile.

‘Come potrebbe investire quando una guerra è sul punto di scoppiare a sud del Continente occidentale? Potrebbe essere diverso per una flotta però.’

 

***

 

Cale si riposò un po’ prima di tornare alla propria residenza, prima di sapere che Choi Han fosse tornato, cosa che lo fece chiamare da Cale nella stanza.

“Cale-nim, mi ha chiamato?”
“La locanda?”
“Tutto a posto. Fortunatamente, i bambini sono energici.”

Cale impallidì pensando a dieci bambini energici della Tribù del Lupo. D’altra parte, Choi Han sembrava più rilassato e felice.

“Quindi non c’è nient’altro fa fare?”
“Sì?”

Cale annuì con la testa prima di alzarsi. Fu solo allora che Choi Han realizzò che Cale non stava indossando né il suo pigiama né il suo solito completo. Era vestito in modo casual.

Cale camminò verso il suo letto e iniziò a parlare.

“Me ne starò sdraiato a letto, quindi vai a dire ad Hans che può smetterla di stare fuori dalla porta e andare a dormire. Se ne andrà senza nemmeno pensarci due volte.”

Choi Han guardò verso la finestra aperta della terrazza. Era una notte luminosa. Poi chiese a Cale.

“Ha intenzione di uscire?”
“Sì.”

Cale sorrise rispondendo.

“Ho lasciato la terrazza aperta come l’altra volta, quindi vieni nella mia stanza.”
“Ho capito.”

Lo sguardo di Choi Han cambiò. Si ricordava di cosa Cale gli aveva detto l’altro giorno. Cale aveva menzionato che gli avrebbe detto come trovare il mago bevitore di sangue.

“Saremo solo noi due, senza On o Hong?”

Choi Han chiese con un’espressione seria, ma una risposta venne da qualche altra parte.

“Verrò anche io.”

Il drago nero rimosse la propria invisibilità ed entrò dalla finestra della terrazza. Choi Han guardò verso il drago nero prima di voltarsi verso Cale. Cale rispose in modo ancora più rilassato di prima.

“Andremo noi tre.”

<< Previous Chapter | Index | Next Chapter >>

Bookmark(0)

No account yet? Register

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *