La Nullità della Famiglia del Conte – Capitolo 16 – Partendo (3)

“Signorino, vi state dirigendo lì?”

Ron lo approcciò non appena uscito dalla carrozza.

“Chi ci andrà se non lo faccio io?”

Ron e il vicecapitano iniziarono a inseguire Cale, diretto verso il luogo dell’incidente senza nessuna esitazione. I due circondarono Cale, come se il mondo dovesse finire presto, ma a Cale non interessava.

Un uomo uscì con calma dall’altra carrozza. Venion Stan.

Cale iniziò a imbronciarsi profondamente non appena lo vide. Vi era una sola riga nel file che suo padre, conte Deruth, gli aveva dato a riguardo della personalità di Venion Stan.

[Un tipico nobile autoritario.]

Cale, be’, Kim Rok Soo, poteva usare anche l’informazione da [La Nascita di un Eroe] per giudicare Venion.

Il tuo tipico cattivo.

Tuttavia, era bel grattacapo incontrare quel tipico cattivo nella vita reale piuttosto che come personaggio di un romanzo. Cale non poteva picchiare qualcuno che aveva fatto qualcosa di male o perché non li piaceva come poteva Choi Han.

La situazione era già peggiorata un po’ quando Cale arrivò. Quei pochi brevi momenti, Choi Han era già così arrabbiato che le sue spalle stavano tremando violentemente.

“Come potete intralciare un nobile come quello?”

“Cosa diavolo state dicendo quando qualcuno poteva farsi male? Chi stava intralciando? Questo è successo perché stavi guidando la carrozza come un pazzo!”

“I plebei dovrebbero togliersi di mezzo quando vedono la carrozza di un nobile. Non è colpa mia se questo plebeo è stato così stupido da starsene lì in piedi senza muoversi!”

Choi Han stava discutendo con uno degli scagnozzi di Venion, e Hans, accanto a Choi Han, aveva un cipiglio sul volto mentre approcciava Cale e sussurrava nel suo orecchio.

“Choi Han-nim sembra essere terribilmente agitato.”

Hans sembrava aver già realizzato che il proprietario della carrozza apparteneva alla famiglia dei marchesi. Sembrava anche che avesse capito che la persona in piedi dietro allo scagnozzo non era altri che Venion Stan.

Quel narcisista era uscito dalla carrozza probabilmente solo perché aveva visto il simbolo della famiglia Henituse sulla carrozza di Cale.

“Basta.”

Venion, l’uomo con dei bellissimi capelli biondi, parlò gentilmente al suo scagnozzo. Non appena le parole di Venion uscirono, lo scagnozzo si mosse velocemente dietro Venion, come se non fosse mai stato arrabbiato fin dall’inizio. Solo Choi Han era rimasto ad ansimare mentre consolava il vecchio spaventato.

Tsk. Cale schioccò la lingua.

Lo scagnozzo non era davvero arrabbiato. Era abbastanza lontano dalla carrozza di Cale ma, così come Venion, aveva probabilmente visto la Tartaruga dorata sulla carrozza di Cale. Ecco perché stava esagerando, a essere così rumoroso mentre riprendeva Choi Han, in modo da attirare Cale sulla scena. Hans sapeva cosa quello scagnozzo stava facendo, cosa che lo fece corrucciare mentre aspettava l’arrivo di Cale.

Cale lanciò uno sguardo truce a Venion e al suo scagnozzo prima di porre una mano sulla spalla di Choi Han.

“Anche tu.”

“Ma-!”

Cale sapeva perché Choi Han era arrabbiato. Questo posto assomigliava molto al villaggio di Hans, la sua seconda casa. Era arrabbiato al fatto che queste persone mettessero la vita di qualcun altro in pericolo ma non mostrassero nemmeno un briciolo di rimorso, o qualsiasi segno di scusarsi.

Tuttavia, la vittima in questo, il vecchio, non riusciva ad arrabbiarsi. Era perché non aveva niente che lo supportasse come Choi Han.

“Avrebbero potuto usare un’altra strada, ma hanno deciso di non farlo e avrebbero potuto fare del male a qualcuno. Come potrei lasciar perdere.”

“Choi Han.”

Cale mise un po’ di pressione sulla spalla di Choi Han.

“Calmati.”

Le pupille nere di Choi Han guadarono direttamente Cale. Cale poteva vedere il Choi Han arrabbiato, no, per essere specifici, il Choi Han che era incatenato dalle memorie del villaggio di Harris, iniziare a calmarsi.

Dopo essersi accertato che Choi Han si stesse calmando, Cale volse il suo sguardo per guardare Venion Stan.

Bellissimi capelli biondi e un leggero sorriso sulle labbra. Un completo perfettamente stirato senza una singola piega. Stivali senza un solo segno di graffi. Tuttavia, la cosa che aveva catturato l’attenzione di Cale era la piccola quantità di rosso sulla punta della camicia di Venion.

‘Deve essergli finito del sangue addosso mentre si stava divertendo a guardare il drago nero venire torturato.’

Un pazzo bastardo. Questo Venion Stan era qualcuno che si godeva il proprio pasto mentre guardava il torturatore frustare il drago nero fino a quando questi non era ricoperto di sangue.

“Piacere di conoscerla. Siete qualcuno della casata del conte Henituse?”

“Sì. Il piacere è mio, signorino Venion Stan.”

Come previsto, l’altra persona conosceva Cale. Venion non era qualcuno che aveva avuto una vita facile nel raggiungere la posizione dell’erede. Il problema era che era un bel po’ scortese.

“Mm.”

Venion Stan era il tipo che poteva sorriderti gentilmente, ma non potevi percepire nient’altro che disgusto da parte sua.

“Non ho avuto nessun motivo di venire in questa area, e ho solo udito dei racconti, ma ho sentito di qualcuno nella famiglia del conte che è uno spirito libero e non sembra un nobile.”

Venion sorrise mentre osservava Cale. Era uno sguardo davvero irritante, come se volesse iniziare una lite.

“Ho sentito che il signorino Basen Henituse ha partecipato in tutte le riunioni dei nobili sin dall’anno scorso-.”

‘Perché chiedere qualcosa che sai già?’

Cale non era portato per questi convenevoli. Ecco perché sorrise allegramente e rispose con rispetto.

“Sì. Sono proprio quella nullità.”

Nullità. Il momento in cui quella parola uscì direttamente dalla bocca di Cale, lo scagnozzo di Venion trasalì.

“Una delle più inutili tra tutte le nullità probabilmente.”

L’angolo della bocca di Venion iniziò a tremolare. La sua espressione sembrava dire che non avesse mai visto una persona così pazza prima d’ora, ma a Cale non interessava.

Il marchese Stan era qualcuno forte abbastanza da capeggiare una fazione, ma Venion non poteva fare come preferiva con gli altri nobili prima di essere ufficialmente dichiarato il futuro successore del titolo di marchese.

Un marchese avrebbe normalmente già dichiarato in via ufficiosa un figlio come il proprio successore in modo da fornirgli protezione, così come permettergli di iniziare a costruire il proprio network a una giovane età. Tuttavia, il marchese Stan non lo aveva ancora fatto.

‘Ci sono ancora altri tre figli.’

Venion aveva due sorelle e un fratello più giovani. Al marchese piaceva osservare la competizione tra i fratelli. A Venion deliziava vedere il drago nero venire torturato in modo da rilassarsi dalla competizione con i suoi fratelli. Il marchese considerava la competizione tra i suoi figli uno sport emozionante. Naturalmente, il figlio maggiore invalidato era il risultato di questa competizione.

Era una casata completamente di fuori.

‘La nostra famiglia Henituse è una famiglia estremamente buona.’

“Lei è una persona davvero interessante.”

Venion rispose in modo casuale all’affermazione di Cale.

Il conte benestante, che risiedeva alla periferia del nord-est senza essere parte di nessuna fazione. Chi potrebbe provare a formare una relazione con quella famiglia? Semmai, le persone avrebbero semplicemente provato a essere avide e a fare propria quella terra.

Tuttavia, Venion manteneva la messinscena di un nobile giusto, e consegnò le redini di questo incidente a Cale.

“Un ostacolo inatteso mi ha fatto perdere tempo, ma presumo che sia una buona cosa visto che sono strato in grado di fare la sua conoscenza, signorino Cale.”

Un ostacolo inatteso. Venion si stava riferendo al vecchio. Era rammaricato del fatto che il suo tempo fosse stato sprecato a causa di questo anziano, e voleva finirla con una nota felice.

“Ma sembra che lei abbia bisogno di insegnare al suo subordinato a distinguere in modo chiaro le persone che hanno il diritto di viaggiare per questa strada e per questa terra, così come le persone che hanno il diritto di fermarle.”

Come un noto successore non ufficiale del marchese, questo era il massimo che poteva fare alla nullità della famiglia del conte. Il suo tono stava dicendo che, nonostante loro fossero entrambi signorini, i loro status erano completamente differenti.

Ovviamente, Cale stava ascoltando in silenzio, ma non era il tipo da prestare attenzione all’uggiolato di un cane.

Venion finì quello che aveva da dire e guardò verso la persona che sembrava maggiormente a disagio nel gruppo.

Plop. Il vecchio si inginocchiò per terra non appena Venion guardò verso la sua direzione e chinò la testa.

“L-Le mie scuse.”

Le mani del vecchio, che si stava inchinando così in basso da far toccare la testa al terreno, stavano tremando. Le mani di Choi Han stavano tremando mentre osservava il vecchio scusarsi.

I residenti di ogni territorio erano modellati a seconda della personalità del nobile regnante. Con il visconte di questo territorio come uno dei cani del marchese Stan, loro erano anche molto autoritari e guardavano dall’alto in basso i cittadini comuni.

Gli angoli della bocca di Venion iniziarono a salire. Era soddisfatto. Dopo aver osservato Venion, Cale lo richiamò.

“Signorino Venion.”

Non appena Venion voltò il capo, Cale gli fece una domanda.

“Ha finito?”

“…Sì?”

Cale si accovacciò. I suoi vestiti costosi iniziarono a toccare il terreno. Poi guardò verso le mani tremanti del vecchio.

‘Sarà pericoloso se continua così.’

Cale era certo di averlo sentito.

“Huuuuuuuu~.”

Il suono di Choi Han che prendeva un respiro profondo. Quello doveva essere il suono di lui che cercava di trattenere la propria rabbia. Il momento in cui Cale lo sentì, poté percepire i brividi lungo il collo e intuì che, se sarebbe ancora avanti, colui che le avrebbe prese di santa ragione non sarebbe stato lui ma Venion. Non gli importava che Venion venisse picchiato o meno, ma Choi Han non poteva colpire un nobile mentre era ricollegato a lui.

Cale appoggiò una mano sulla spalla del vecchio. Il sopracciglio di Venion iniziò a fremere. Una mano di un nobile era sulla spalla di un plebeo.

“Vecchio.”

Il vecchio sembrava estremamente scioccato mentre sollevava la testa per guardare Cale.

“S-Sì?”

Cale rispose in modo casuale.

“Dov’è il bar?”

“Mi scusi?”

“Dove posso avere dell’alcol delizioso? Come devi aver sentito, sono una nullità. Non mi sento rinfrescato al mattino se non ho qualcosa da bere. Ho bisogno di bere per assicurarmi che domani sia un altro grande giorno. Quindi?”

Cale sollevò il corpo del vecchio. Venion, che stava guardando Cale, giudicò in silenzio Cale e scosse la testa dopo averlo sentito menzionare l’alcol.

“Guidami.”

Incrociando lo sguardo con le pupille tremanti del vecchio, Cale iniziò a imbronciarsi mentre continuava.

“Non hai intenzione di alzarti?”

Il vecchio esitò e guardò avanti e indietro tra Venion e Cale. Cale semplicemente lo ignorò mentre si rialzava e allungava la mano, che era stata sulla spalla di un cittadino, verso Venion.

“È stato un piacere incontrarla oggi, signorino Venion.”

Cale stava chiedendo una stretta di mano.

Venion stette lì in silenzio e fissò Cale. In quel momento, uno dei domestici di Venion li approcciò velocemente e sussurrò a bassa voce a Venion. Tuttavia, era abbastanza alto affinché tutti potessero sentire.

“Signorino, siamo già stati ritardati abbastanza.”

“…Non interrompere una conversione tra nobili.”

Venion guardò dall’alto in basso il suo domestico senza un sorriso sul volto, e il domestico si inchinò velocemente. Venion sorrise di nuovo mentre stringeva la mano di Cale.

“Allora continuerò per la mia strada, visto che sono molto impegnato.”

Poi lasciò andare. Era stata una stretta di mano molto breve. Cale iniziò a sorridere come una persona ubriaca, mentre rispondeva.

“Se mai ci incontreremo alla capitale, prendiamo un drink insieme.”

“…Non penso che apprezzarei la stessa cosa, ma certo.”

Il sorriso di Venion non era entusiasta. Cale decise di fare qualcosa in grade per concludere questa conversazione.

“Sì. Basandomi sulla nostra interazione di quest’oggi, sembra proprio che solo il signorino Venion sia degno di essere il futuro patriarca della famiglia Stan. Siete una persona molto figa.”

Patriarca. Quella parola fece offuscare gli occhi di Venion. Come Cale si aspettava, Venion iniziò a sorridere gioiosamente ancora una volta, e complimentò anche Cale.

“Anche signorino Cale è una persona molto interessante e dallo spirito libero. Incontriamoci ancora in futuro.”

‘No. Non ho nessuna voglia di rivederti mai più. E anche se lo facessi, sarebbe da molto, molto lontano.’

Cale nascose i suoi veri sentimenti e annuì con il capo. Venion tornò velocemente alla sua carrozza, come se fosse davvero impegnato, e sparì.

Cale osservò la carrozza sparire prima di dare dei colpetti sulla spalla di Choi Han.

“Metà dei nobili sono così.”

Le spalle di Choi Han sussultarono alle parole di Cale, ma Cale si stava già nuovamente accucciando di fronte al vecchio.

“Vecchio. Non riesci ad alzarti? Ti sei fatto male alla gamba?”

Pat pat.

Cale ispezionò il corpo del vecchio mentre lo diceva. Non sembrava essere ferito. Cale iniziò a fissare l’uomo con un’espressione confusa. Richiamò poi Choi Han.

“Choi Han.”

Invece di rispondere, Choi Han osservò semplicemente la schiena dell’accovacciato Cale.

“Porta a casa questo vecchio.”

“N-no, sto bene. Quel bar di cui avete parlato.”

“Non ce n’è bisogno. Non sono dell’umore di bere.”

Cale fermò il vecchio che stava cercando di guidarlo al bar, e guardò verso Choi Han, in piedi accanto a lui.

“Visto che lo hai salvato, potresti anche farlo completamente e portarlo in modo sicuro a casa.”

La bocca di Choi Han si aprì e si chiuse un paio di volte, ma non riuscì a dire niente. In quel momento, la voce del vecchio arrivò alle orecchie di Cale.

“La mia casa vende alcol.”
“Hmm? Vecchio, la tua casa era un bar?”

Gli occhi di Cale mostrarono che era davvero sorpreso. Il vecchio sorrise imbarazzato, ma continuò a parlare con un’espressione leggermente più rilassata.

“Sì, signore. È l’unica locanda di questo villaggio. Ha anche un bar e un ristorante.”

“Visto che è l’unica locanda, deve essere il posto migliore. Hans!”

Anche senza che Cale dicesse niente, Hans si avvicinò velocemente al vecchio e lo aiutò ad alzarsi, prima di iniziare a domandare della locanda. Una volta che i due iniziarono a muoversi, le cose cominciarono a divenire chiassose intorno a loro.

Ron si avvicinò rapidamente a Cale e spazzò via lo sporco dai vestiti di Cale. Il vicecapitano e il resto del gruppo si diresse verso l’entrata del villaggio. Le uniche persone rimaste lì erano Cale e Choi Han.

“…Cale-nim.”

“Cosa?”

“Non è arrabbiato?”

“Per cosa?”

Choi Han esitò per un momento, e non poté continuare a parlare. Cale si strinse nelle spalle mentre cominciava a parlare.

“Il fatto che mi abbia guardato dall’alto verso il basso? O come ti ha detto una cosa così incredibile? Come ha quasi ucciso quel vecchio e, invece di scusarsi, ha detto che era un ostacolo?”

La voce di Cale era calma e ferma. Non sembrava per niente arrabbiato. In realtà, sembrava indifferente. Cale continuò a parlare.

“Devi continuare a muoverti quando vedi qualcuno di fronte a te? Perché non hai provato a evitarlo? Non hai visto che avresti potuto ferire il vecchio? Come puoi dire con noncuranza che una persona sia un ostacolo quando l’hai quasi ucciso?”

Choi Han prestò attenzione a Cale, che stava guardando verso una catena montuosa lontana. Nello stesso momento, si assicurò di ascoltare ogni singola parola di Cale. Cale continuò a parlare risolutamente.

“Venion, perché il vecchio si sta scusando con te? Sei tu che dovresti scusarti in modo appropriato con lui.”

Cale poteva parlare come Choi Han, e c’erano volte che voleva farlo. Ma.

“Non sono qualcuno che può parlare così. Né lo voglio. Non sono nemmeno arrabbiato.”

Ma quello non era il momento. Cale sapeva che questa era una delle cose che rendeva Choi Han figo, ma lui non voleva esserlo.

Il vecchio non era ferito, e non aveva fatto niente che avrebbe potuto far puntare la spada verso la sua famiglia. Il fatto che lui stesso passasse male avrebbe beneficiato Basen, quindi era comunque ottimo.

“Per di più.”

Cale era qualcuno che rendeva sempre il favore, non importa quanto tempo richiedesse. Se qualcuno lo guardava dall’alto in basso o gli faceva qualcosa, lui avrebbe ottenuto la propria vendetta.

“Quel bastardo verrà probabilmente cacciato dalla sua casa molto presto.”

“…Uh?”

Choi Han poté dire che quel bastardo a cui Cale si stava riferendo era Venion. Ecco perché Choi Han mostrò una rara espressione scioccata sul volto, mentre guardava verso Cale.

Cale aveva un sorriso malizioso sul volto. I due gattini, che gli si stavano avvicinando in silenzio, si bloccarono.

Il sorriso di Cale crebbe sempre più largo mentre continuava a osservare la montagna sulla destra del villaggio. Pensò tra sé e sé la cosa che non poteva dire a Choi Han.

‘Ho intenzione di fregare il drago di quel bastardo.’

Una volta perso il drago, Venion avrebbe dovuto affrontare l’ira del marchese, e avrebbe avuto un nuovo ostacolo sulla sua strada per divenire il patriarca della famiglia. Non doveva qualcuno che non sapeva nemmeno quando fermarsi per strada affrontare almeno un ostacolo?

Cale aveva intenzione di porre un ostacolo enorme sulla strada di Venion. Ovviamente, ciò sarebbe stato fatto in segreto. Parlò con noncuranza a Choi Han, che lo stava osservando con curiosità.

“Se sei curioso, puoi aiutarmi.”

“Qualunque cosa sia, voglio definitivamente aiutarla.”

Anche Choi Han iniziò a sorridere. Era un sorriso abbastanza malvagio per una persona di indole così buona, e iniziò a mormorare. Il fatto che fosse stato guardato dall’alto verso il basso da Venion, così come il sangue sulle maniche di Venion e la vista del vecchio che si inchinava a Venion erano ancora nella mente di Cale.

“Non te ne pentirai.”

Sarebbe stato in grado di ripagarlo per quello.

“Non te ne pentirai sicuramente.”

<< Previous Chapter | Index | Next Chapter >>

Bookmark(0)

No account yet? Register

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *